Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Australia, il cardinale Pell sarà processato per abusi sessuali su minori

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / PAUL CROCK

l tribunale di Melbourne ha stabilito che il cardinale australiano George Pell, prefetto della Segreteria per l'economia in Vaticano in congedo, sarà processato per abusi sessuali ai danni di minori avvenuti dagli anni Settanta in poi

Il cardinale australiano George Pell, porporato prefetto in congedo della Segreteria per l’Economia del Vaticano, sarà processato con l’accusa di abuso sessuale nei confronti di vittime minorenni.

Pell è accusato per violenze avvenute tra la fine degli anni Settanta e Ottanta nel suo paese di nascita, Ballarat, nello stato di Victoria, e tra la fine degli anni Novanta e gli inizi del 2000 nella diocesi di Melbourne, dove era arcivescovo. La decisione è stata adottata dal tribunale di Melbourne il primo maggio 2018.

Il porporato, 76 anni, uno degli uomini centrali della Curia di Roma, si è sempre professato innocente.

Il magistrato Belinda Wallington del tribunale di Melbourne ha respinto alcune delle accuse che erano state ascoltate durante l’udienza preliminare di quattro settimane fa, ma ha deciso che ci sono comunque elementi sufficientemente forti da giustificare un processo davanti a una giuria.

I dettagli delle diverse accuse non sono ancora noti ma oltre a quelle che lo vedono direttamente coinvolto vi sarebbero episodi di copertura di altri sacerdoti abusanti e perfino uno stupro.

Pell è arrivato in tribunale verso le 9:30 ora locale per la decisione sul rinvio a giudizio scortato dalla polizia ed è andato via dopo il verdetto tra le urla di alcuni manifestanti. Le indagini sono iniziate nel 2012, dopo 10 anni di pressione da parte delle presunte vittime.

A giugno 2017, il cardinale Pell, mentre era prefetto della Segreteria vaticana per l’Economia, incriminato in Australia per gravi reati sessuali, aveva respinto le accuse e, con l’assenso di papa Francesco, ha poi preso un periodo di congedo dal suo incarico in Vaticano per potersi recare in Australia e difendersi in tribunale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Ti potrebbe interessare
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio