Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Chi è Ynes Mexia, la botanica che ha scoperto 500 nuove specie di piante in Sud America

Immagine di copertina

Oggi Google dedica il suo doodle alla scienziata Mexia, in occasione del Mese del Patrimonio Spagnolo

Ynes Mexia, chi è la donna del Doodle Google di domenica 15 settembre

In molti si chiedono a chi è dedicato, oggi, il doodle di Google, che ritrae una donna anziana circondata da piante colorate e foglie di ogni genere: si tratta di Ynes Mexia.

Ynes Mexia era una botanica, nata il 24 maggio del 1870 e morta nel 1938, a cui Google ha deciso di dedicare la giornata di oggi, 15 settembre, in occasione del Mese del Patrimonio Spagnolo.

Proprio il 15 settembre la scienziata di origini messicano-americane partì per la sua prima spedizione scientifica, in cui iniziò a scoprire gli esemplari di piante che l’hanno resa famosa.

Chi è Ynes Mexia

Ynes Mexia è nota infatti per aver scoperto 500 nuove specie di piante in Sud America, tra cui un esemplare della famiglia delle Composite.

A differenza di altri scienziati, Mexia si è avvicinata tardi alla professione che l’ha resa celebre, quando ha iniziato a dedicarsi allo studio della botanica e alla classificazione dei nuovi esemplari. È ricordata per la sua collezione di 150mila piante provenienti dalla flora del Sud America, oggi visitabile presso la California Academy of Science. Quando è partita per la prima volta quel 15 settembre, aveva più di 50 anni.

Oltre ad aver arricchito il patrimonio scientifico in ambito botanico, Ynes Mexia ha contribuito ad aprire la strada della scienza anche alle donne.

Per festeggiare degli avvenimenti speciali, Google cambia il logo normale con uno attinente all’evento; il logo diventa un doodle, a volte animato. I doodle sono infatti versioni modificate del logo che vengono visualizzate sulla home page di Google in occasione di particolari eventi e festività o ricorrenze.

Roma come il Giappone: ciliegi in fiore all’orto botanico di Trastevere dove si celebra l”Hanami’
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto