Me

Chi è Ynes Mexia, la botanica che ha scoperto 500 nuove specie di piante in Sud America

Oggi Google dedica il suo doodle alla scienziata Mexia, in occasione del Mese del Patrimonio Spagnolo

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 15 Set. 2019 alle 12:02 Aggiornato il 15 Set. 2019 alle 15:35
Immagine di copertina

Ynes Mexia, chi è la donna del Doodle Google di domenica 15 settembre

In molti si chiedono a chi è dedicato, oggi, il doodle di Google, che ritrae una donna anziana circondata da piante colorate e foglie di ogni genere: si tratta di Ynes Mexia.

Ynes Mexia era una botanica, nata il 24 maggio del 1870 e morta nel 1938, a cui Google ha deciso di dedicare la giornata di oggi, 15 settembre, in occasione del Mese del Patrimonio Spagnolo.

Proprio il 15 settembre la scienziata di origini messicano-americane partì per la sua prima spedizione scientifica, in cui iniziò a scoprire gli esemplari di piante che l’hanno resa famosa.

Chi è Ynes Mexia

Ynes Mexia è nota infatti per aver scoperto 500 nuove specie di piante in Sud America, tra cui un esemplare della famiglia delle Composite.

A differenza di altri scienziati, Mexia si è avvicinata tardi alla professione che l’ha resa celebre, quando ha iniziato a dedicarsi allo studio della botanica e alla classificazione dei nuovi esemplari. È ricordata per la sua collezione di 150mila piante provenienti dalla flora del Sud America, oggi visitabile presso la California Academy of Science. Quando è partita per la prima volta quel 15 settembre, aveva più di 50 anni.

Oltre ad aver arricchito il patrimonio scientifico in ambito botanico, Ynes Mexia ha contribuito ad aprire la strada della scienza anche alle donne.

Per festeggiare degli avvenimenti speciali, Google cambia il logo normale con uno attinente all’evento; il logo diventa un doodle, a volte animato. I doodle sono infatti versioni modificate del logo che vengono visualizzate sulla home page di Google in occasione di particolari eventi e festività o ricorrenze.

Roma come il Giappone: ciliegi in fiore all’orto botanico di Trastevere dove si celebra l”Hanami’