Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Wifi in aereo: come sapere prima se la connessione è lenta o no

Immagine di copertina
Emirates

Online, un servizio sempre più preciso e approfondito per scoprire in anteprima la qualità della rete senza fili acquistabile a bordo

Come sapere se il wifi in aereo vale la pena di essere acquistato ad esempio se volessimo lavorare e/o utilizzare servizi in streaming come Netflix? Molte volte ci troviamo già a bordo del velivolo ed è come se fosse una scommessa, un acquisto a occhi chiusi, può andare bene oppure può essere una mezza bidonata in quanto a velocità.

Anche perché può capitare di essere collegati al wifi dell’aeroporto che sull’aereo non prende più e così restano poche alternative. L’unico modo è prepararsi prima e per fortuna c’è un interessante tool online che ci permette di sapere prima se e come sarà la connessione senza fili una volta raggiunta l’altitudine di crociera.

Grazie al miglioramento di questa tecnologia per rimanere connessi al web anche volando a oltre 9000 metri di quota, ci sono voli che consentono di guardare Netflix e non soltanto aprire la mail e (tentare di) rispondere. Il prezzo dipende dalle compagnie aeree. Ci sono quelle che risultano piuttosto economiche e che offrono una connessione generosa e altre molto care e avide di megabyte. Ci sono poi quelle che offrono pacchetti forfait e abbonamenti più convenienti.

Grazie a Routehappy si potrà finalmente avere tutte le informazioni che servono per andare a scoprire la portata del wifi in aereo. Se prima si poteva solo giudicarlo come “basic” ossia basilare, “better” di medio livello e “best” ossia molto performante, ora si avranno altre info.

Ad esempio se Internet andrà a reggere la navigazione online, la navigazione veloce fino a Netflix, che è un po’ il termometro in quanto a esigenza e stabilità. Il servizio è anche integrato in Skyscanner, sia mai che serve prenotare un volo e magari lavorare per l’intero tragitto; condizione non rara per businessman o per qualsiasi altra esigenza.

Insomma, un altro parametro che potrebbe risultare molto utile per chi sta pianificando un viaggio e deve venire incontro a particolari esigenze organizzative.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio
Scienza / La crisi climatica rende fino a 9 volte più probabili le inondazioni che hanno devastato la Germania
Esteri / Tutto quello che (non) sappiamo sulla terza dose
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio