Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Super donatori di feci: chi sono, di cosa si tratta e perché donano

Immagine di copertina

Claudia Campenella, 31 anni, lavora come amministratore di supporto agli studenti in un’università britannica e nel tempo libero è una donatrice di feci. Una super donatrice. “Alcuni dei miei amici pensano che sia un po’ strano e disgustoso, ma non mi preoccupa – le sue parole alla BBC -, è molto facile donare e voglio solo aiutare la ricerca medica, sono contenta di contribuire”.

Una donazione estremamente utile: le sue feci, brulicanti di microbi “buoni”, saranno messi nell’intestino di un paziente ammalato per aiutarlo a guarire.

Ma perché proprio le feci di Claudia? Gli scienziati ritengono che gli escrementi di alcune persone possano contenere un mix ideale di batteri curativi per correggere le malattie dell’intestino, rendendoli super-donatori.

A rendere “particolari” le feci di Claudia anche il fatto che sia vegana, anche se su questo – secondo quanto riporta la BBC – non ci sono prove scientifiche sul fatto che gli escrementi vegani siano migliori di quelli non vegani.

Sulla vicenda è intervenuto il dott. Justin O’Sullivan, esperto di biologia molecolare presso l’Università di Auckland: “Le nostre budella ospitano milioni di microbi che vivono dentro di noi come comunità. Questo microbioma diversificato è unico per ognuno di noi: non ce ne sono due esattamente uguali”.

Poi sul trapianto di feci ha aggiunto: “Abbiamo visto che i trapianti da super-donatori raggiungono percentuali di remissione clinica di quasi il doppio della media. La nostra speranza è di riuscire ad aumentare il successo del trapianto fecale e persino sperimentarlo per nuove condizioni associate al microbioma come l’Alzheimer, la sclerosi multipla e l’asma”.

Insomma, una donazione che potrebbe cambiare la vita di molte persone. Per questo Claudia ha deciso di farlo. “Spero che la gente superi la barriera mentale e pensi di diventare un donatore – le sue parole -. È davvero molto facile donare. È semplice da fare. Se ci stai pensando, controlla se un ospedale vicino ha un servizio e mettiti in contatto con loro”.

“Come funziona la donazione? Raccolgo il mio campione fresco a casa in un contenitore che l’ospedale mi fornisce, quindi lo porto all’ospedale andando al lavoro, è solo un piccolo sforzo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio