Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Arriva il primo hotel nello spazio vista Terra: lo realizzerà Thales Alenia Space

Immagine di copertina

Arriva il primo hotel nello spazio vista Terra: lo realizzerà Thales Alenia Space

Una vacanza spaziale? Perché no, a breve diventerà realtà. Sono state diffuse online di recente le prime immagini di un hotel spaziale che sarà assemblato in orbita a partire dal 2024: si potrà guardare la Terra tra le stelle da 400 chilometri di distanza. A produrre i moduli del primo hotel spaziale della storia dell’umanità sarà Thales Alenia Space. Entro la fine del prossimo anno, verranno lanciati due moduli che si agganceranno alla stazione spaziale internazionale e uno di questi moduli sarà abitativo, destinato ad astronauti professionisti (con finalità di ricerca scientifica), ma sarà accessibile anche a chi sogna una vacanza nello spazio.

L’idea è stata finalizzata con un accordo commerciale tra Axiom Space, una startup texana, e Thales Alenia Space, joint-venture tra Leonardo e Thales: l’obiettivo comune è di costruire i primi pezzi di una stazione spaziale privata. Come ha spiegato Massimo Comparini, amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia: “Questa missione è un passo importante verso destinazioni spaziali commerciali indipendenti e anche verso la promozione di una crescita economica forte e competitiva legata all’utilizzo dell’orbita terrestre bassa. La sinergia con l’intero ecosistema spaziale, dalle istituzioni governative alle agenzie internazionali, fino alle società private, pone Thales Alenia Space al cuore stesso del sistema industriale”.

Crediti: Axiom Space

Le prime immagini di questo progetto spaziale sono state condivise da Axiom, mostrando interni ed esterni dell’hotel con tanto di finestra panoramica che affaccia dritto sul Pianeta Terra: la struttura sarà formata da tre moduli (centrale, uno per l’equipaggio e uno per i privati); una volta terminato l’assemblaggio, si aggancerà alla Stazione Spaziale Internazionale. A bordo saranno presenti stanze adibite allo svago degli ospiti dell’hotel e avranno modo di comunicare con la Terra. Attualmente, non è stato ancora scelto un nome per l’hotel spaziale. Per altre foto, potete sfogliare la gallery.

Leggi anche:

1. La Nasa cerca volontari per una “quarantena” spaziale / 2. “Nella nostra galassia possono esserci altre 36 civiltà intelligenti”: lo studio

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto