Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina

Immagine di copertina

Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina

Oggi, lunedì 4 ottobre 2021, sono stati resi noti i nomi dei vincitori del premio Nobel per la Medicina 2021, l’ambito riconoscimento assegnato annualmente dall’Assemblea Nobel presso l’Istituto Karolinska. Si tratta di David Julius e Ardem Patapoutian, premiati per le scoperte di recettori che consentono di percepire tatto e temperatura.

Il professore David Julius, nato il 4 novembre 1955 a New York, attualmente insegna dell’Università della California, San Francisco (UCSF). Secondo l’Assemblea Nobel, Julius “ha utilizzato la capsaicina, un composto pungente del peperoncino che induce una sensazione di bruciore, per identificare un sensore nelle terminazioni nervose della pelle che risponde al calore”. Insieme al suo team ha raccolto milioni di frammenti di DNA corrispondenti a geni espressi nei neuroni sensoriali che possono reagire al dolore, al calore e al tatto. Poi hanno inserito questi geni in cellule che normalmente non reagiscono alla capsaicina per trovare il singolo gene all’origine della sensibilità. Secondo il Comitato per il Nobel, Julius si è successivamente reso conto che il recettore della capsaicina scoperto è un recettore sensibile al calore che viene attivato a temperature percepite come dolorose.

Contemporaneamente Ardem Patapoutian, nato nel 1967 a Beirut, in Libano, e attualmente all’Howard Hughes Medical Institute, in California, stava tentando di capire insieme ai suoi collaboratori come gli stimoli meccanici potessero generare  la percezione di tatto e pressione. Hanno identificato una serie di cellule che reagiva quando le singole cellule venivano colpite con una micropipetta. Il team ha quindi identificato 72 geni candidati che avrebbero potuto esprimere i recettori e li ha “spenti” uno a uno per scoprire quale era responsabile del comportamento.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Marte, rover Nasa trova molecole organiche: “Possibili tracce di vita”
Scienza / Settimana della Scienza ed European Researchers’ Night 2022: 450 eventi scientifici gratuiti
Scienza / Nasa, annullato ancora il lancio verso la Luna: il terzo tentativo sarà lunedì
Ti potrebbe interessare
Scienza / Marte, rover Nasa trova molecole organiche: “Possibili tracce di vita”
Scienza / Settimana della Scienza ed European Researchers’ Night 2022: 450 eventi scientifici gratuiti
Scienza / Nasa, annullato ancora il lancio verso la Luna: il terzo tentativo sarà lunedì
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Scienza / La nuova immagine del telescopio James Webb: ecco la galassia “Ruota di carro”
Cronaca / Covid, la pandemia è nata dal mercato di Wuhan: lo confermano due nuovi studi
Scienza / Così le nostre abitudini alimentari favoriscono la diffusione di pandemie
Scienza / Spazio, individuato un segnale da una galassia lontana: “batte come un cuore”
Scienza / Stasera la Superluna del cervo, la più grande dell'anno: quando e come vederla
Scienza / La Nasa mostra le immagini scattate dal telescopio Webb che svelano l'alba dell'universo