Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Perché l’aggiornamento Android è così a lento rilascio? Lo spiega Sony

Immagine di copertina

Spesso trascorrono diversi mesi prima che la nuova versione del sistema operativo di Google si renda disponibile sugli smartphone, la società nipponica spiega i motivi in modo chiaro

Perché ci si mette così tanto a diffondere l’ultimo aggiornamento Android anche sugli smartphone top di gamma? Per rispondere a questa domanda, Sony ha allestito un’interessante infografica che spiega per bene tutti i passaggi necessari prima dell’update.

Infatti, a differenza di Apple iOS che è un sistema operativo per un solo dispositivo ossia iPhone, Android va ad abbracciare un incredibile numero di cellulari. Questo vuol dire che si trova davanti a hardware tra i più disparati e generazioni anche piuttosto datate.

Sony ha diviso in due fasi la preparazione dell’aggiornamento Android. La prima è quella preliminare. Si parte con la diffusione a parte di Google del PDK ovvero del Platform Development Kit che è appunto un pacchetto che contiene file sorgente e altri elementi necessari per lo sviluppo, ottimizzazione e test.

Aggiornamento Android prima fase

Una volta che la nuova versione di Android è rilasciata inizia la parte di lavoro sul software all’interno del sistema proprietario. Il terzo momento è contraddistinto dell’acronimo HAL che significa hardware abstraction layer e che fa sì che tutti i chip contenuti all’interno del dispositivo possano lavorare con il nuovo software. Nel caso di Sony, dato che non tutti i componenti arrivano da Qualcomm, serve un po’ più di lavoro.

Il quarto momento è quello di implementare le basi ossia le funzionalità principali dello smartphone come le chiamate, i messaggi e la connessione a Internet. Successivamente, si lavora su tutto il software proprietario di Sony e sull’interfaccia grafica. Dunque, su schermata di blocco, contatti, app per musica, film, album, fotocamera, sistema di risparmio energetico Stamina, assistenza Xperia e client email.

Le ultime due fasi sono dedicate a un test prima più superficiale e poi più approfondito.

Aggiornamento Android passaggio intermedio

La seconda parte della preparazione dell’aggiornamento Android è quella che richiede la certificazione e l’approvazione con gli standard del settore. Si parte da quelli per il Bluetooth e il WiFi per la connessione senza fili e per permettere al dispositivo di collegarsi a migliaia di altri. Successivamente, si passa alla collaborazione con gli operatori telefonici che possono avere richieste specifiche.

L’ultima parte è quella – finalmente – del lancio dell’aggiornamento Android nella lista di smartphone scelti e compatibili. Tuttavia, può capitare spesso che dopo il rilascio ci sia qualcosa che non funziona al meglio. Può insorgere qualche bug e dunque Sony specifica che non è ancora tempo di rilassarsi, ma di monitorare forum, email e social media per controllare che tutto sia a posto.

Aggiornamento Android seconda fase

Per la cronaca, l’aggiornamento Android 9 Pie (le dieci cose da sapere) arriverà a Novembre su Sony Xperia XZ2, XZ2 Premium, XZ2 Compact, Xperia XZ Premium, XZ1 e XZ1 Compact. Nel 2019 sbarcherà anche su XA2, XA2 Ultra e XA2 Plus.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto