Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Una nuova scoperta in Germania potrebbe “riscrivere la storia dell’umanità”

Immagine di copertina
Credit: The Independent

Nei pressi della città tedesca di Francoforte è stato scoperto un dente di 9 milioni di anni fa, che ha dato nuove speranze alla teoria dell'origine “non africana” dell'essere umano

Alcuni archeologi tedeschi hanno scoperto diversi denti fossili, la cui datazione è stimata intorno ai 9,7 milioni di anni fa. La nuova rivelazione potrebbe riscrivere la storia degli esseri umani, dando nuovo credito alle teorie che indicano l’origine della specie umana al di fuori del continente africano. La notizia è stata riportata dal quotidiano britannico The Independent.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo il team di archeologici coinvolti nella scoperta, i denti sono simili ad altri ritrovati in Etiopia e appartenenti allo scheletro di Lucy, un’antenata dell’essere umano di almeno 3,2 milioni di anni fa.

Lucy è stata a lungo considerata l’anello mancante dell’evoluzione dai primati agli esseri umani. Ma la scoperta tedesca mette in dubbio questa tesi, perché i denti ritrovati nel letto del fiume Reno, nei pressi della città di Eppelsheim, non somigliano a nessuno degli altri appartenenti alle diverse specie di fossili ritrovati in Europa o Asia.

Questa scoperta potrebbe ora rivoluzionare il modo di concepire la storia evolutiva umana. I resti ritrovati infatti riaccendono la tesi delle origini “non africane” degli esseri umani.

Visto che lo stato evolutivo dei denti ritrovati in Germania è simile a quello di Lucy, ma con quasi cinque milioni di anni in più, il direttore del Museo di storia naturale di Mainz, Herbert Lutz, ha definito la scoperta “un grandissimo colpo di fortuna, ma anche di un grandissimo mistero”.

Secondo il sindaco di Mainz, Michael Ebling, che ha annunciato i ritrovamenti in una conferenza stampa, questa scoperta potrebbe obbligarci a “rivedere la storia degli uomini primitivi”. “Non voglio drammatizzare troppo la scoperta, ma non è esagerato ipotizzare che dovremmo iniziare a riscrivere la storia dopo la scoperta annunciata oggi”, ha detto Ebling.

I resti ritrovati a Eppelsheim infatti confermerebbero la presenza di ominidi in Europa già diversi milioni di anni fa. Le teorie attuali invece sostengono come gli esseri umani moderni siano comparsi in Africa tra i 400mila e i 200mila anni fa, per poi partire alla volta del resto del mondo soltanto 70 mila anni fa.

Ecco il video dei resti, pubblicato dal quotidiano britannico:

Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Ti potrebbe interessare
Scienza / Azienda americana promette di ripopolare la Siberia di mammut
Scienza / Rinoceronti volanti e orgasmi che sbloccano il naso: chi ha vinto gli Ig Nobel, i premi per gli studi più bizzarri
Scienza / I trapianti di organi crollati del 30% a causa della pandemia
Scienza / L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di sviluppare gravi forme di malattie mentali: lo studio
Scienza / La crisi climatica rende fino a 9 volte più probabili le inondazioni che hanno devastato la Germania
Esteri / Tutto quello che (non) sappiamo sulla terza dose
Scienza / Risposte alla scienza vecchia della senatrice Cattaneo (di Piero Bevilacqua)
Scienza / Studio italiano scopre come il virus attacca tutto l'organismo
Scienza / Vaccini, lo studio su Pfizer e Moderna: “Ecco per quanto tempo proteggono dal Covid”
Scienza / Come reagisce il nostro cervello a smart working e didattica a distanza: lo studio