Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Come funziona il primo gel contraccettivo maschile

Immagine di copertina
Come funziona il primo gel contraccettivo maschile? Credit: Afp JOUBERT / BSIP

Preservativi e vasectomia sono gli unici metodi contraccettivi accessibili agli uomini, e non sono molto apprezzati. Forse un gel può essere la soluzione

Il National Institute of Child Health and Human Development statunitense è pronto per iniziare a sperimentare il primo gel contraccettivo studiato appositamente per gli uomini.

Gli esperimenti verranno realizzati a partire da aprile 2018, e continueranno per circa quattro anni.

Quando si parla di contraccezione, se ne parla essenzialmente al femminile, a meno che non si parli del profilattico, dal momento che sul versante maschile l’unica alternativa al preservativo era, fino a questo momento, la vasectomia.

Come funziona il primo gel contraccettivo maschile

Il nuovo gel è composto da due ormoni sintetici: il testosterone e una forma di progestinico chiamato nestorone, che già viene utilizzato per i contraccettivi femminili.

In breve, il nestorone serve a bloccare i livelli di testosterone per evitare che producano spermatozoi, mentre il testosterone serve a normalizzare lo squilibrio ormonale.

Quanto costa acquistare contraccettivi in ItaliaTutto quello che (forse) non vi hanno detto sulla contraccezione | Quali sono i metodi contraccettivi più usati nel mondo

Il gel anticoncezionale deve essere applicato sulle braccia e sulle spalle degli uomini ogni giorno, per permettergli di assorbersi nel loro flusso sanguigno.

Per il momento il metodo si è dimostrato efficace in un primo studio durato sei mesi, durante i quali il numero degli spermatozoi, nell’89 per cento degli uomini, si è ridotto a un milione per millimetro – una quantità molto bassa.

La sperimentazione del primo gel contraccettivo maschile

La sperimentazione vera e propria, prevista per il mese di aprile 2018, coinvolgerà 400 coppie proveniente da paesi diversi: Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Svezia, Cile e Kenya.

Gli studiosi prevedono una riduzione degli spermatozoi tale da impedire le gravidanze in quattro mesi, periodo durante il quale le donne dovranno continuare a utilizzare i propri contraccettivi.

Dopo quattro mesi, le coppie inizieranno a utilizzare il gel come unico anticoncezionale per un anno. A questo seguiranno le altre fasi della sperimentazione.

Prima della diffusione del gel sul mercato, dunque, mancano ancora quattro o cinque anni.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Scienza / Come funziona la bomba atomica e perché si parla di “bomba A” e “bomba H”
Scienza / Quali sono gli effetti a lungo termine della bomba atomica: cosa succede dopo esplosione
Scienza / Quali danni potrebbe causare la bomba atomica
Scienza / Bomba atomica, tutto quello che c’è da sapere: chi l’ha inventata e quali danni ha causato
Scienza / Che cos’è la bomba atomica: come e quando è nata
Scienza / Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori: lo studio che lo dimostra
Cronaca / Hiv, scoperta nuova variante più aggressiva e contagiosa