Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Scienza

Potresti essere spiato dalla tua fotocamera senza saperlo

Immagine di copertina

Un giovane impiegato di Google ha dimostrato che le fotocamere dei nostri iPhone possono attivarsi in totale libertà, senza che ci venga notificato

Felix Krause, fondatore della piattaforma fastlane e impiegato presso Google, ha dimostrato che le applicazioni iOS possono accedere liberamente e in qualsiasi momento a tutte le fotocamere dei nostri iPhone e dispostivi Apple, e potenzialmente quindi spiarci e riprenderci.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il lavoro è stato portato a termine grazie alla creazione di un’applicazione in versione demo, creata ad hoc e chiamata Watch User.

Una volta dato il consenso all’accesso alla fotocamera, qualsiasi app può utilizzarla, registrare ciò che diciamo, scattare foto e registrare video senza che ci venga notificato e  immediatamente effettuarne l’upload, e può addirittura utilizzare il riconoscimento facciale per carpire le caratteristiche del nostro viso e le nostre espressioni.

Tutto questo senza alcuna notifica o segnale che ce lo faccia intuire: nessuna spia, nessuna luce, nessun indizio.

Krause indica però alcuni accorgimenti che chi usa un iPhone può adottare per poter perlomeno arginare il problema. Innanzitutto bisognerebbe seguire l’esempio di Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, e coprire le proprie fotocamere. Per farlo esistono numerosi accessori di vario tipo.

L’altro suggerimento, decisamente poco pratico, è quello di negare il consenso a tutte le app e usare solamente la fotocamera del dispositivo. Questo significa che per inviare ad esempio una foto tramite Whatsapp, bisognerebbe scattare la foto con la camera dell’iPhone e non con quella dell’app, e poi, sottolinea Krause, sarebbe meglio copiarla e incollarla, piuttosto che selezionarla dall’app.

Alcune proposte sono dirette anche ad Apple: offrire un accesso che sia limitato alla fotocamera e mostrare un’icona che indichi se questa è attiva in quel momento o meno.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Ti potrebbe interessare
Scienza / Digital Health Forum, Annalisa Chirico: “Salute e digitale, un binomio sempre più decisivo”
Scienza / La sfida tra Italia e Olanda per svelare i segreti del cosmo
Ambiente / I piccoli scienziati crescono
Scienza / Come funziona la bomba atomica e perché si parla di “bomba A” e “bomba H”
Scienza / Quali sono gli effetti a lungo termine della bomba atomica: cosa succede dopo esplosione
Scienza / Quali danni potrebbe causare la bomba atomica
Scienza / Bomba atomica, tutto quello che c’è da sapere: chi l’ha inventata e quali danni ha causato
Scienza / Che cos’è la bomba atomica: come e quando è nata
Scienza / Il cervello, prima di morire, riproduce i ricordi migliori: lo studio che lo dimostra
Cronaca / Hiv, scoperta nuova variante più aggressiva e contagiosa