Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Fortnite causa divorzi? Il videogioco citato nel 5 per cento dei casi britannici

Immagine di copertina

Il titolo più popolare del momento crea una grande dipendenza e sarebbe al centro di un piccolo caso, come concausa delle crisi coniugali

Fortnite causa divorzi? A leggere l’ultimo report che arriva dalla Gran Bretagna sembrerebbe proprio di sì con già 200 casi documentati in cui il celeberrimo videogioco del momento avrebbe contribuito (insieme ad altri giochi) a crisi coniugali.

Il nome del videogame per computer, console e smartphone appare nelle documentazioni consegnate ai giudici ed è un’ennesima conferma del successo strepitoso del titolo.

Come riportato da Quartz, 5 per cento di 4.665 richieste di divorzio, Fornite era baluardo del gruppo di videogiochi che venivano citati come tra le cause principali della crisi tra marito e moglie, con

Si sta ripetendo qualcosa che si era già visto in parte con altri titoli dalla dipendenza assicurata, l’ultimo dei quali è stato GTA V ossia un gioco multipiattaforma per console e PC diventato caso mondiale.

La sua forza, in quel caso, era la riproduzione perfetta di un mondo da esplorare al di fuori della trama stessa del gioco, con veicoli, oggetti (dai vestiti alle armi) e tantissime chicche nascoste da scoprire.

Insomma, il classico caso in cui la vita fatta di pixel mina quella reale, con l’attenzione che si sposta tutta nel dinamismo estremo del videogioco che trascende la quotidianità e, naturalmente, un po’ aliena dal mondo.

Ma in fondo è proprio questo lo spirito dei videogiochi e in questo senso Fortnite ha dimostrato di saper funzionare.

In cosa consiste Fortnite? Semplificando al massimo, è una sfida di sopravvivenza all’ultimo sangue tutti contro tutti (tralasciamo le modalità a squadre) con i giocatori che vengono paracadutati su un’isola.

Qui devono raccogliere oggetti e armi, trovare veicoli e – soprattutto – fare fuori chiunque capiti a tiro.

Per rendere ancora più palpitante l’esperienza, la mappa diventa sempre più piccola costringendo i giocatori ad avvicinarsi sempre più stanando chi punta solo e soltanto a essere un cecchino e stimolando lotte senza quartiere.

Una straordinaria valvola di sfogo per molti utenti, che però si sono lasciati un po’ prendere la mano tanto da dimenticare la vita coniugale e spendere ogni momento libero sul gioco. Chissà se dopo il divorzio ritorneranno un po’ più nella normalità o rimarranno costantemente alla caccia spietata sull’isola?

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto