Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Perché dovresti smettere di fare il login con l’account Facebook su altre app

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Nel data breach di fine settembre 2018 gli hacker avrebbero avuto accesso ai dati che condividiamo con gli altri siti

A fine settembre 2018 Facebook ha rivelato di aver scoperto una falla nella sicurezza che avrebbe consentito ad alcuni hacker di accedere a informazioni personali e dettagli su 50 milioni di account. I tecnici del social network hanno scollegato per precauzione altri 90 milioni di utenti per proteggere i loro dati.

Secondo gli esperti gli hacker non avrebbero avuto accesso solo alle informazioni condivise su Facebook, ma anche ai dati condivisi da ciascun utente con altre app.

Per pigrizia o per comodità, spesso ci si registra ai siti o altri servizi attraverso il proprio profilo Facebook. In questo modo si consente a quell’app di condividere alcune informazioni.

È possibile quindi che gli hacker abbiano avuto accesso ai nostri account su Instagram, Tinder, Spotify, Airbnb, Twitter e tutte quelle app per cui abbiamo deciso di registrarci attraverso il nostro profilo Facebook.

La falla nella sicurezza sarebbe stata riparata la sera di giovedì 27 settembre, come ha affermato Mark Zuckerberg durante una conference call ma ancora non è chiaro se effettivamente gli hackers siano entrati negli account delle app esterne perché Facebook non ha chiarito questo aspetto.

Né l’azienda di Zuckerberg né gli altri siti potenzialmente coinvolti conoscono precisamente l’entità dei danni del data breach.

Il 2 ottobre 2018 il vice presidente di Facebook Guy Rosen ha detto che la società non ha indizi che lascino credere che gli hackers si siano intrufolati negli altri siti attraverso l’attacco informatico, ma che stanno sviluppando delle tecniche più sofisticate per permettere alle altre aziende coinvolte di condurre le proprie indagini.

LEGGI ANCHE: I consigli di un hacker per mantenere al sicuro la propria privacy online

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI