Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Covid, uno studio italiano scopre “interruttore universale” del virus: “Ecco come attacca l’intero organismo”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/Mourad Balti Touati

Uno studio scientifico italiano condotto dall’Università di Brescia ha scoperto uno “interruttore universale” che permette alla Covid-19 di attaccare potenzialmente tutti gli organi del corpo umano: si tratta delle integrine, una serie di recettori espressi universalmente sulle cellule del nostro organismo.

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Microorganisms e condotta dal gruppo dell’ateneo bresciano guidato da Francesca Caccuri, ha mostrato come le cellule endoteliali microvascolari dei polmoni siano suscettibili all’infezione da Sars-CoV-2 e alla base dei processi infiammatori che contribuiscono allo sviluppo di forme gravi di Covid.

Questo studio, ha spiegato all’agenzia di stampa Adnkronos Arnaldo Caruso, ordinario di microbiologia e microbiologia clinica all’università di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell’Asst Spedali Civili, “identifica per la prima volta le integrine quali recettori alternativi” all’enzima 2 di conversione dell’angiotensina o ACE2, che il patogeno sfrutta per scardinare la parete delle cellule.

“L’utilizzo da parte di Sars-CoV-2 di questo specifico recettore potrebbe spiegare il coinvolgimento multiorgano tipico delle forme gravi di Covid-19“, ha sottolineato Caruso. “Infatti le integrine, al contrario di Ace2, sono recettori espressi universalmente sulle cellule del nostro organismo”. Tradotto: potremmo aver scoperto la via attraverso cui il Covid attacca tutti gli organi e non soltanto i polmoni.

Non solo. Dai risultati dello studio emerge come “le integrine potrebbero rappresentare un nuovo e importante bersaglio terapeutico per contrastare la presenza del virus a livello sistemico e contribuire a limitare la gravità della malattia”.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto