Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Se ti vengono i brividi quando ascolti la musica, potresti avere un’intelligenza sopra la media

Immagine di copertina

Un team di ricercatori ha indagato le cause della relazione tra sensazioni provocate dall'ascolto di un brano musicale e intelligenza emotiva e cognitiva

Vi è mai capitato che una canzone vi facesse venire la pelle d’oca? È una sensazione che viene spesso definita “orgasmo della pelle”. È possibile anche avvertire un groppo in gola, un ritmo cardiaco accelerato o la pelle leggermente umida.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Generalmente i brividi sono una risposta fisiologica al freddo”, afferma Matthew Sachs, ricercatore universitario cha sta analizzando gli effetti della musica sul cervello presso la University of Southern California.

Sachs si è dedicato all’analisi delle risposte fisiologiche alla musica sin da quando studiava ad Harvard. Nel 2016, lui e il suo team hanno pubblicato i risultati della loro ricerca, condotta su venti studenti, dieci dei quali riferivano di avere i brividi quando ascoltavano la loro canzone preferita e dieci che affermavano il contrario.

I ricercatori hanno effettuato una scansione cerebrale su entrambi i gruppi. Ne è emerso che il “gruppo dalla pelle d’oca” aveva un numero significativamente più alto di connessioni neurali tra corteccia uditiva, centri di elaborazione delle emozioni e corteccia pre-frontale, la zona coinvolta in attività di ordine cognitivo superiore.

In altre parole, chi rabbrividisce quando ascolta la propria canzone preferita ha un numero più alto di connessioni neurali tra corteccia uditiva e centri di elaborazione delle emozioni, e quindi esperisce emozioni più forti, oltre ad essere in grado di elaborare comportamenti cognitivi più complessi.

Tuttavia, è necessario sottolineare che si tratta di un campione di soggetti esiguo e che la reazione fisiologica può anche derivare dall’attivazione di ricordi legati ad una specifica canzone. Sachs è consapevole della complessità del fenomeno e attualmente sta svolgendo un follow-up, in cui viene analizzato lo schema di attivazione neurale nei soggetti mentre ascoltano musica fatta per provocare emozioni forti, al fine di comprendere meglio le cause dell’attivazione delle connessioni nel cervello.

Sachs ritiene che la musica abbia un grande potenziale terapeutico. Attualmente la musico-terapia è impiegata per indurre rilassatezza e regolare gli stati emotivi dei pazienti. Per tali ragioni potrebbe essere inserita nel trattamento del disturbo depressivo. “La depressione causa l’incapacità di provare piacere per le cose di tutti i giorni”, dice il ricercatore a Quartz, e aggiunge che si potrebbe utilizzare la musica per esplorare le sensazioni dei pazienti in un contesto terapeutico.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Bozza rapporto Onu sul clima: impatto riscaldamento climatico arriverà prima di quanto temuto
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Scienza / Il misterioso pesce sopravvissuto ai dinosauri che può vivere 100 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Bozza rapporto Onu sul clima: impatto riscaldamento climatico arriverà prima di quanto temuto
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Scienza / Il misterioso pesce sopravvissuto ai dinosauri che può vivere 100 anni
Scienza / Anche nei vaccini le donne sono discriminate: quando la medicina non considera il sesso
Scienza / Superluna di sangue, oggi lo spettacolo dell’eclissi totale: quando e come vederla
Scienza / I ricchi si vaccinano, i poveri aspettano: tutti i dati sulla disuguaglianza dell’immunizzazione
Scienza / "Anche i malati di Sla meritano l'attenzione mostrata dalle istituzioni Ue sul Covid"
Scienza / Sospendere i brevetti aumenterebbe davvero la produzione di vaccini anti-Covid19?
Scienza / Scienziati in tv: ti hanno reso più e meglio informato sulla pandemia? Rispondi al sondaggio
Scienza / Stanchezza, ansia, fiato corto: cos’è la sindrome post Covid (di V. Vardanega)