Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Scienza

Airbag per smartphone: il sistema pratico e economico per proteggere dalle cadute

Immagine di copertina

Da un'idea di uno studente di ingegneria tedesco, un accessorio che andrà a evitare la prima causa di "morte" dei cellulari

L’airbag per smartphone può andare a ovviare la prima causa di morte dei nostri migliori amici tascabili ossia proprio quella della caduta. Sviluppato da uno studente ingegneria tedesco chiamato Philip Frenzel, questo sistema è diventato subito virale per la sua efficacia e semplicità di installazione.

I vecchi telefoni potevano cadere da altezze vertiginose essere schiacciati da auto rimorchi e non subivano nemmeno un graffio. Basti citare l’indistruttibile Nokia 3310 recentemente ripresentato.

Ma gli smartphone moderni sono necessariamente più fragili visto che incorporano numerose parti più delicate. Inoltre, le scocche presentano una grande percentuale di vetro e si devono considerare le estremità che possono soffrire di più se esposte ad urti.

La prima soluzione è quella di applicare una custodia, ma anche così non è detto che lo smartphone sopravviva a una caduta. Soprattutto sei impatta di spigolo oppure sul bordo può infatti frantumare non solo il vetro ma anche il pannello sottostante. E sono dolori al portafogli.

Ed è qui che entra in gioco il buon Philip, che ha pensato a un modo economico, pratico e universale per proteggere gli smartphone dalle cadute.

Ha così realizzato un vero e proprio airbag per smartphone che si apre quando il sistema rileva che il cellulare sia in caduta libera. Per farlo, utilizza l’accelerometro che è montato praticamente in ogni dispositivo è che attiva il sistema di protezione.

Quando lo smartphone sta cadendo si aprono quattro estremità ricurve e flessibili posizionate negli spigoli. queste parti ammortizzano la caduta assorbendo la violenza dell’urto.

Il cellulare rimbalzerà alcune volte sulle estremità e la scocca rimarrà intatta. Il sistema ha già vinto un premio presso la German Mechatronics Society ed è atteso sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter fra un mese circa.

Saremo facili profeti a immaginare che l’airbag per smartphone sarà un successo e che dopo aver raccolto un buon budget potrà migliorare. Anche esteticamente.

Una soluzione davvero intelligente e pratica che potrebbe salvare milioni di smartphone. Quando uscirà sul mercato? E a che prezzo? Ci sono alcune possibilità, inoltre, che possa aprire anche a soluzioni integrate negli smartphone del futuro.

Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Ti potrebbe interessare
Scienza / Risposta alla lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia): i prodotti a tabacco riscaldato in Italia
Cronaca / Nuovo studio indica il mercato di Wuhan come probabile origine della pandemia
Scienza / Eclissi lunare oggi 19 novembre 2021: la più lunga da 580 anni
Scienza / “Uno spunto in più sulle sigarette elettroniche”: la lettera di Luigi Godi (Philip Morris Italia)
Cronaca / Il Nobel per la Chimica va al tedesco Benjamin List e al britannico David MacMillan, “ingegneri” delle molecole
Cronaca / Nobel per la fisica, Parisi dopo la vittoria: “Sul clima agire con urgenza”
Cronaca / L’italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la fisica
Scienza / Chi sono David Julius e Ardem Patapoutian, premi Nobel per la Medicina
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Cronaca / Il premio Nobel per la Medicina va agli americani Julius e Patapoutian per le loro scoperte sui recettori del tatto