Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Cina, scoperto nuovo virus “potenzialmente pandemico”

Immagine di copertina

Scoperto in Cina un nuovo virus “con potenziale pandemico”. È nei maiali

Siamo ancora nel bel mezzo della pandemia da Coronavirus che già un nuovo nemico invisibile potrebbe potenzialmente farci paura. Si tratta di un virus simile a quello dell’influenza H1N1 responsabile della pandemia del 2009, che è tornato a utilizzare l’organismo dei maiali per modificarsi, imparando ad aggredire l’uomo.

A identificare il ceppo, in Cina, di questa influenza che ha il “potenziale” per scatenare una pandemia un team di scienziati cinesi e britannici, nell’ambito di un progetto di sorveglianza avviato da anni per sorprendere sul nascere eventuali virus capaci di provocare pandemie. Insomma, non bisogna abbassare la guardia, come ha ricordato in queste ore anche l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), secondo cui nei confronti del Coronavirus non bisogna abbassare la guardia.

Quel che è certo, dicono gli scienziati, è che il Covid-19 non sarà certo l’ultima pandemia a cui l’uomo dovrà far fronte. Questo nuovo virus è emerso di recente ed è veicolato dai maiali, ma può infettare l’uomo. Il pericolo è che possa mutare ulteriormente in modo da diffondersi facilmente da persona a persona e innescare un focolaio globale.

Le caratteristiche perché possa infettare l’uomo, spiegano i ricercatori, ci sono tutte, per cui è necessario un attento monitoraggio. Bisogna quindi aumentare al più presto, proseguono gli studiosi, le misure per controllare il virus nei suini e monitorare gli allevatori. Questo nuovo nemico invisibile è molto simile a quello dell’influenza H1N1 che causò la pandemia del 2009. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas.

Lo studio è stato condotto dal gruppo coordinato da George Gao e Jinhua Liu, rispettivamente delle Università agrarie di Pechino Shandong, con la partecipazione dei Centri cinesi per il controllo delle malattie (Cdc China). Per l’esperto di Malattie infettive Giorgio Palù, dell’Università di Padova, “la ricerca descrive un virus potenzialmente pandemico” ed è “un lavoro atteso e importante, un monitoraggio importantissimo per allestire con grande anticipo un vaccino nel caso in cui virus si espandesse”.

“In questo momento siamo distratti dal Coronavirus, giustamente. Ma non dobbiamo perdere di vista nuovi nuovi virus potenzialmente pericolosi”, ha affermato lo scienziato Kin-Chow Chang alla BBC, sottolineando che anche se “questo virus non rappresenta al momento un pericolo reale non dovremmo ignorarlo”.

Leggi anche: 1. Altro che lockdown: durante il Covid Europa inondata di droga, traffici raddoppiati. Tutti i numeri e le rotte / 2. L’Italia può farcela, ma la classe dirigente deve pensare alla storia e non ai propri interessi e carriere personali / 3. Mondragone, Bartolini, Val Seriana: tra profitto e salute indovinate chi vince col Covid

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire