Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Venezia, approvato il decreto: dal 1 agosto stop alle grandi navi davanti piazza San Marco e sul canale della Giudecca

Immagine di copertina
Grandi navi: una nave da crociera nel canale della Giudecca davanti a piazza San Marco. Credit: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

L'ultimatum dell'Unesco ha convinto l'esecutivo Draghi ad intervenire con un deciso stop

Il decreto per allontanare da Venezia le grandi navi è stato varato oggi dal Consiglio dei ministri. Il provvedimento prevede lo stop al passaggio di tutte le grandi imbarcazioni nel canale della Giudecca a partire dall’1 agosto. La decisione del governo Draghi arriva dopo l’ultimatum lanciato lo scorso giugno dall’Unesco, che aveva minacciato l’esclusione di Venezia dai patrimoni se non fossero state allontanate le grandi navi dalla Laguna.

Il divieto di navigazione è previsto per le navi con almeno una di queste caratteristiche: più di 25mila tonnellate di stazza lorda, più di 180 metri di lunghezza, più di 35 metri di altezza e produzione superiore allo 0,1% di zolfo.

Il decreto prevede risarcimenti per le aziende che saranno danneggiate da questa decisioni, mentre le navi da crociera potranno attraccare provvisoriamente a Marghera.

Il primo tentativo di bloccare l’ingresso della grandi nave a Venezia risale al 2012 con il decreto Clini Passera, che rimase al palo per difficoltà che oggi appaiono molto attuali: in buona sostanza si vietava il transito nel Canale della Giudecca alle navi passeggeri di oltre 40 mila tonnellate. Ma solo in presenza di “valide alternative” che non vennero mai trovate.

Il passaggio delle navi da crociera a Venezia è contestato da anni

Nel 2014 ci provò il Comitato interministeriale, ma il Tar annullò il provvedimento. Il governo Draghi è tornato alla carica con un decreto convertito in legge il 12 maggio 2021. Nel testo si prevedeva che l’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale, che gestisce anche la laguna di Venezia, avesse tempo fino al 31 maggio (il termine poi è slittato) per avviare un concorso di idee per individuare punti di attracco fuori dalle acque protette della laguna di Venezia. Un progetto per il quale il governo ha stanziato 2,2 milioni.

E prima ancora, il 25 marzo, i ministri della Transizione ecologica, della Cultura, del Turismo, delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, avevano concordato di dirottare in via temporanea il traffico delle grandi navi da Venezia verso Marghera, dove però i due terminal esistenti, specializzati nella gestione del traffico container, non avrebbero le strutture adatte per accogliere i crocieristi.

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Mario Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Politica / Stragi, Mario Draghi toglie il segreto su Gladio e sulla P2
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Politica / Lettera a TPI: “La Logica cinica e perversa della riforma Cartabia”
Politica / L'ultimatum di Salvini a Draghi: "Il governo fermi gli sbarchi oppure sostenerlo sarà un problema"
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)