Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Ultimi sondaggi oggi 11 agosto: non è la Lega il primo partito

Immagine di copertina
Matteo Salvini, leader della Lega. Credit: Andreas SOLARO / AFP

Ultimi sondaggi oggi 11 agosto: non è la Lega il primo partito

Con la crisi di governo in atto, i sondaggi politici elettorali sono sempre più al centro della scena. Partiti, media e opinione pubblica li tengono monitorati con particolare attenzione in vista delle possibili elezioni anticipate. Da tutte le rilevazioni emerge il grande consenso di cui gode la Lega di Matteo Salvini, con il Pd staccato di oltre 15 punti percentuali e il M5S in grave difficoltà.

Quel che spesso sfugge al dibattito di questi giorni, però, è che il primo partito d’Italia non è la Lega, ma un altro: quello dell’astensione. Scorrendo le percentuali di consenso che raccolgono le varie forze politiche, colpisce infatti il dato sugli indecisi, che ormai superano abbondantemente il 45 per cento della platea di elettori. Stando a un sondaggio realizzato dall’istituto Tecné il 5 agosto scorso, in caso di elezioni anticipate il 45 per cento degli italiani non voterebbe per nessuno dei partiti in corsa.

La Lega otterrebbe il 38 per cento dei voti, sull’onda del grande consenso popolare di cui gode il suo leader, Matteo Salvini. Ampiamente staccato il Partito democratico, che viaggia intorno al 22 per cento, mentre il M5S precipita sotto il 18 per cento e vede quasi dimezzato il proprio bacino di voti rispetto alle elezioni politiche de 4 marzo 2018.

Tra gli altri partiti, Tecné stima Forza Italia davanti a Fratelli d’Italia di ben due punti percentuali (8 contro 6), mentre la lista Più Europa viene data al 2,4 per cento e i Verdi al 2,2 per cento.

Ultimi sondaggi elettorali: i dati in sintesi

  • Lega: 38 per cento
  • Pd: 22,4 per cento
  • M5S: 17,5 per cento
  • Forza Italia: 8 per cento
  • Fratelli d’Italia: 6 per cento
  • Più Europa: 2,4 per cento
  • Europa Verde: 2,2 per cento
  • La Sinistra: 1,4 per cento
  • Altri: 2,1 per cento
  • Astenuti/incerti: 45 per cento

Ultimi sondaggi politici: cosa pensano gli italiani dei “porti chiusi”

Agli intervistati è stato anche chiesto se sono favorevoli o contrari “alla politica dei porti chiusi per contrastare l’immigrazione clandestina e gli scafisti”. Il 59 per cento si è detto favorevole, il 37 per cento è contrario, mentre il 4 per cento dice di non sapere.

A questo link tutti gli ultimi sondaggi
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S