Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ue, l’avvertimento di Von der Leyen: “Se l’Italia andrà in una situazione difficile abbiamo gli strumenti”

Immagine di copertina
Credit: EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Ue, l’avvertimento di Von der Leyen: “Se l’Italia andrà in una situazione difficile abbiamo gli strumenti”

Una presa di posizione netta, a tre soli giorni dalle elezioni. Ursula von der Leyen non ha usato mezzi termini nel descrivere le opzioni a disposizione della commissione europea “se le cose andranno in una direzione difficile” dopo il voto del 25 settembre. Secondo la presidente della commissione, in tal caso si potrà fare ricorso agli “strumenti” usati già nei casi di Polonia e Ungheria, puniti con il congelamento dei fondi europei.

Un avvertimento chiaro alle forze che si preparano a formare un governo dopo il voto di domenica, arrivato durante una visita all’università di Princeton, negli Stati Uniti. Alla domanda di una dottoranda sul voto, in cui si faceva riferimento alla presenza di “figure vicine a Putin” tra i candidati, von der Leyen ha risposto inizialmente: “vedremo l’esito delle elezioni”.

“È interessante vedere come funziona il consiglio europeo, dove ci sono molte dinamiche di gruppo tra pari”, ha poi detto von der Leyen. “Non può esserci un paese che arriva e dice ‘voglio, voglio, voglio!”, ha continuato, sbattendo una mano sull’altra. “Quando sei nel consiglio realizzi una cosa: “oh mio dio, il mio futuro e il mio benessere dipendono anche dagli altri 26 paesi’. Ma questo è il bello della democrazia. A volte siamo lenti, parliamo molto, lo so. Ma anche questa è democrazia”. Poi la frase chiave: “vedremo. Se le cose andranno in una direzione difficile, e ho parlato per esempio di Polonia e Ungheria, abbiamo gli strumenti. Se invece le cose vanno per il verso giusto…”. “Le persone, a cui un governo è tenuto a rispondere, giocano un ruolo importante”, la conclusione del capo dell’esecutivo UE, che aveva anche specificato: “Noi lavoreremo con qualsiasi governo democratico che vorrà lavorare con noi”. “La democrazia ha bisogno di ognuno di noi, è un lavoro costante, non è mai al sicuro”, ha affermato.

“Il mio approccio è che noi lavoriamo con qualunque governo democratico che è disposto a lavorare con noi. So che a volte siamo lenti e che parliamo molto, ma anche questo è il bello della democrazia. Dunque vedremo come vanno queste elezioni: anche le persone, in quanto insieme a cui i governi devono sempre rispondere, giocano un ruolo importante”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Maltrattamenti a bimba disabile: arrestate due maestre di una scuola materna
Cronaca / Vannacci indagato a Roma per il suo libro, contestato il reato di istigazione all’odio razziale
Cronaca / Courmayeur, sciatore cade durante un fuoripista e muore
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Maltrattamenti a bimba disabile: arrestate due maestre di una scuola materna
Cronaca / Vannacci indagato a Roma per il suo libro, contestato il reato di istigazione all’odio razziale
Cronaca / Courmayeur, sciatore cade durante un fuoripista e muore
Cronaca / Disastro del Mottarone, per il piccolo Eitan risarcimento da 3 milioni di euro
Cronaca / Studente ucciso dal tir a Sanremo, i compagni di scuola bloccano la strada dell’incidente
Cronaca / Alessia Pifferi, secondo la perizia: “È capace di intendere e di volere”. Ora rischia l’ergastolo
Cronaca / Dal 1° ottobre imprese e lavoratori dovranno avere la patente a punti per la sicurezza sul lavoro
Cronaca / Inchiesta sul generale Vannacci, c’è il supertestimone. Ira della Lega: “Inchiesta a orologeria”
Cronaca / Schiaffi alla figlia 12enne che inviava foto osé a un 19enne. I giudici: “Dati al fine di educarla”
Cronaca / Manganellate agli studenti, procura di Pisa apre inchiesta: verifiche su 15 poliziotti