Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Lo sfogo dell’ex ministra Trenta: “Ho lottato contro Salvini, non meritavo questo”

Immagine di copertina

Lo sfogo dell’ex ministra Trenta: “Ho lottato contro Salvini, non meritavo questo”

Elisabetta Trenta non ha preso bene la sua estromissione dal governo.

“Sapevo che il Movimento non mi avrebbe lasciato al ministero. Non sono contenta, non meritavo tutto questo”. Sono le parole dell’ex ministra della difesa, che lascia il posto a Lorenzo Guerini, in chiave Pd.

“Sono stata una delle persone che ha lottato più di tutti contro Salvini”, dice Trenta in un’intervista al Messaggero. “Voglio stare zitta perché in questo momento potrei dire di tutto e contro tutti. Non so se Luigi Di Maio mi abbia difeso, queste cose vanno valutate a freddo e non a caldo. Adesso ho mille pensieri contrastanti. E tanta rabbia”.

Elisabetta Trenta si chiede se Luciana Lamorgese sia davvero “tecnica”. “Il ministero della Difesa è un ministero importante, il Viminale è un ministero altrettanto importante. È opportuno che ci siano due correnti politiche in entrambi i dicasteri? Siamo sicuri che i tecnici siano abbastanza tecnici? Il mio successore è del Pd. Quindi devo pensare che Lamorgese lo sia. Non so cosa dire. Anzi, non mi va più di parlare. Ho da fare”, taglia corto.

Luca Morisi, responsabile della propaganda di Matteo Salvini e della cosidetta “Bestia“, commenta così l’intervista dell’ex ministra: “La Trenta ammette che stavano facendo di tutto per combattere Salvini… E poi qualcuno ancora si stupisce della decisione del Capitano, condivisa da tutti i ministri e i sottosegretari della Lega”.

Anche Danilo Toninelli si sfoga dopo la sua estromissione dal nuovo governo, raccontando degli attacchi personali subiti, ma rivendicando i successi portati a casa.

“La rivoluzione in Autostrade che abbiamo impostato mi è costata durissimi attacchi personali. Il sistema ha reagito con una campagna mediatica scientificamente pianificata contro la mia persona. Ma non importa: sapevo di essere nel giusto”, scrive su Facebook.

“Toccherà al nuovo Governo proseguire nel solco tracciato. Al Presidente Conte e ai nuovi ministri il mio più sincero in bocca al lupo. Io ringrazio le ragazze e i ragazzi che hanno lavorato con me, il personale del ministero e quei collaboratori senza i quali tutto questo non sarebbe stato possibile. Ho dato il massimo in ragione della passione per la cosa pubblica che solo stando nel M5S potevo sentire ed esprimere in maniera così limpida. Grazie a tutti voi. Sono stati 15 mesi incredibili. Ma una rivoluzione si costruisce con tanti piccoli cambiamenti significativi, avviene giorno dopo giorno, passo dopo passo. Continuiamo a farla. Avanti così!”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Politica / Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale
Ti potrebbe interessare
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Politica / Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale
Opinioni / Quando una biografia cede il passo alla mistificazione della realtà (di E. Franchin)
Opinioni / Il centrodestra sogna il Corriere della Sera: ecco cosa c’è dietro l’operazione Sallusti-Libero
Politica / “Berlusconi sta bene”: smentite le voci sulla morte del leader di Forza Italia
Politica / Letta: “L’Ue fermi Israele, questa non è legittima difesa”
Politica / Il Copasir chiede a Draghi un’indagine sull’incontro tra Renzi e Mancini all’Autogrill
Opinioni / L'ipocrisia degli antipopulisti che ora incensano il Draghi "premier gratis" (di G. Cavalli)
Politica / Caso Gregoretti, non luogo a procedere per Salvini: “Il fatto non sussiste”. L’ex ministro: “Tornassi al Governo lo rifarei”