Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il totonomi sul governo: i possibili ministri di un esecutivo Conte bis

Immagine di copertina
Foto: Luigi Di Maio

Da Di Maio a Franceschini, da Bonafede a Delrio: ecco le voci sulla composizione della squadra

Totonomi governo, possibili ministri del Conte bis

Chi saranno i ministri di un eventuale governo Pd-M5S guidato da Giuseppe Conte? A poche ore dalla fine delle consultazioni del presidente della Repubblica si fa più chiaro il quadro dei papabili componenti della squadra “giallorossa” che dopo la crisi scatenata da Matteo Salvini dovrebbe prendere il posto della compagine “gialloverde”  M5S-Lega. Ovviamente ci saranno molti passaggi di consegne. E alcuni posti passeranno dal Movimento ai Democratici.

Interno

L’incarico di ministro dell’Interno da Salvini dovrebbe andare ad una personalità non politica. Secondo Repubblica in pole ci sarebbero il capo della Polizia Franco Gabrielli e il prefetto Mario Morcone, che da capo di gabinetto di Minniti ha gestito il drastico calo degli sbarchi dei migranti. Mentre il Corriere della Sera indica il prefetto Bruno Ferrante, che nel 2006 fu candidato sindaco per il centrosinistra a Milano e il vicesegretario Dem Andrea Orlando, ex ministro della Giustizia.

> Governo news: le ultime notizie di oggi

Esteri

La casella degli Esteri potrebbe essere occupata dall’eurodeputato Pd Roberto Gualtieri o dall’ex premier Paolo Gentiloni. Ma circolano anche i nomi di Enzo Amendola, ex deputato Pd, già sottosegretario alla Farnesina durante i governi Gentiloni e Renzi, e di diplomatici come Elisabetta Belloni e Pasquale Salzano.

Economia

Quello dell’Economia, come sempre, è uno dei nodi maggiori. Nel totonomi sul governo sono finiti gli economisti Lucrezia Reichlin e Fabrizio Barca, ma è stata presa in considerazione anche la possibilità di una conferma di Giovanni Tria. Non è escluso che per il dicastero di via XX Settembre ci siano indicazioni dal Quirinale.

Difesa

Luigi Di Maio è l’unico capopartito che finirà nel governo, visto che il segretario Dem Nicola Zingaretti ha deciso di rinunciare, per non lasciare la presidenza della Regione Lazio. Il capo politico del M5S viene indicato come possibile ministro della Difesa o degli Esteri, ma molto dipenderà dal nodo della vicepresidenza del Consiglio. Non è un mistero che Di Maio punti alla conferma del ruolo di vicepremier, ipotesi sgradita al Pd. Se il piano dovesse fallire, il capo del Movimento potrebbe chiedere un posto di maggior peso.

Lavoro e Sviluppo Economico

Le deleghe di Lavoro e Sviluppo Economico dovrebbero andare a due ministri. Il Lavoro potrebbe andare all’economista e senatore del Pd Tommaso Nannicini o alla senatrice Teresa Bellanova. Lo Sviluppo Economico alla vicesegretaria Dem Paola De Micheli.

Resta un nodo da sciogliere anche il numero dei vice di Conte: uno, due o nessuno. Il Pd chiede per sé la vicepresidenza del Consiglio considerando Conte un premier espressione del M5S. Il nome che circola è quello di Dario Franceschini, che potrebbe avere anche le deleghe ai Rapporti con il Parlamento.

Giustizia

Nel governo Pd-M5S ci saranno sicuramente due fedelissimi di Di Maio come Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro. Il primo dovrebbe essere confermato alla Giustizia. Il secondo potrebbe diventare ministro per le Riforme. Vincenzo Spadafora, altro fedelissimo di Di Maio, è in pole per le Pari Opportunità. Ma il Movimento 5 Stelle potrebbe conquistare anche la conferma di Sergio Costa all’Ambiente e di Giulia Grillo alla Sanità.

Altra casella quasi certa è quella delle Infrastrutture, che dovrebbero andare al capogruppo M5S al Senato Stefano Patuanelli. Alternative sono il capogruppo Dem Graziano Delrio, già titolare delle Infrastrutture nei governi Renzi e Gentiloni, e il deputato Dem Roberto Morassut.

Infine, l’Istruzione. Nel totonomi sul governo c’è l’accademico e deputato M5S Lorenzo Fioramonti, oggi viceministro.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Berlusconi sta bene”: smentite le voci sulla morte del leader di Forza Italia
Politica / Letta: “L’Ue fermi Israele, questa non è legittima difesa”
Politica / Il Copasir chiede a Draghi un’indagine sull’incontro tra Renzi e Mancini all’Autogrill
Ti potrebbe interessare
Politica / “Berlusconi sta bene”: smentite le voci sulla morte del leader di Forza Italia
Politica / Letta: “L’Ue fermi Israele, questa non è legittima difesa”
Politica / Il Copasir chiede a Draghi un’indagine sull’incontro tra Renzi e Mancini all’Autogrill
Opinioni / L'ipocrisia degli antipopulisti che ora incensano il Draghi "premier gratis" (di G. Cavalli)
Politica / Caso Gregoretti, non luogo a procedere per Salvini: “Il fatto non sussiste”. L’ex ministro: “Tornassi al Governo lo rifarei”
Politica / Msf lancia una nuova operazione in mare: “I migranti continuano a morire. Da Draghi gaffe sui diritti umani”
Politica / Berlusconi sta male? Da Forza Italia nessun allarme: “Condizioni stabili”
Politica / "Nata perché mia madre scelse di non abortire". Cara Meloni, nel 1976 l'aborto era illegale (di S. Lucarelli)
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Politica / Quanto guadagnano i ministri del governo Draghi: ecco tutte le dichiarazioni dei redditi