Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Teresa Bellanova e la foto con il nuovo look: “Che ne dite? Vesto come voglio oppure no?”

Immagine di copertina

La neo ministra dell'Agricoltura scherza sui social sul suo look dopo gli insulti

Teresa Bellanova risponde agli insulti social con una foto su Instagram

Teresa Bellanova è la nuova ministra dell’Agricoltura del governo Conte bis, vittima nelle ultime ore di una raffica d’insulti social a causa del vestito blu indossato durante la cerimonia di giuramento al Quirinale.

Dopo aver ricevuto centinaia di commenti negativi su Twitter e altri social, la neo ministra dell’esecutivo giallo rosso ha deciso di rispondere: su Instagram posta una foto del look adottato oggi.

Il commento che accompagna l’immagine è tagliente: “Visto che il blu di ieri ha elettrizzato molti, ho voluto provare con questa mise oggi, che ne dite? #vestocomevoglio oppure no? Secondo voi?”.

Bellanova, classe 1958, originaria di Ceglie Messapica, in Puglia, indossa una camicia gialla a pois neri, e nella foto sorride mentre parla al telefono.

Nelle scorse ore, la neo ministra si era già espressa sui social, e su Twitter aveva approfittato del commento di Enzo Miccio, celebre wedding planner tv, che ha approvato la mise adottata da Bellanova, per dire la sua.

La vera eleganza è rispettare il proprio stato d’animo: io ieri mi sentivo entusiasta, blu elettrica e a balze e così mi sono presentata. Sincera come una donna #qualcosadiblu”, ha scritto il membro del nuovo esecutivo su Twitter.

La risposta di Teresa Bellanova agli insulti sul vestito: la vera eleganza è rispettare il proprio stato d’animo

Bellanova è una storica sindacalista, da sempre impegnata nel contrasto alla piaga del caporalato. Inizia la sua carriera nei sindacati appena ventenne, nel settore dei braccianti e poi diventa coordinatrice regionale delle donne Federbraccianti. Ha lavorato nel sud–est barese per poi spostarsi in provincia di Lecce, a Casarano. Nel 1988 viene nominata Segretaria Generale provinciale della Flai (Federazione Lavoratori AgroIndustria), nella provincia di Lecce.

“Allora come oggi la rappresentanza del lavoro e la difesa dei diritti delle persone costituiscono il tratto caratteristico ed irrinunciabile del mio impegno politico e sindacale e la mia stessa dirittura di vita”, scrive Bellanova sul suo sito.

Teresa Bellanova, insulti social per il vestito indossato durante il giuramento

Ti potrebbe interessare
Politica / Il deputato di Italia Viva Francesco Scoma passa alla Lega: l’annuncio di Salvini
Politica / Fedez attacca Conte: “I comizi gremiti uno schiaffo al mondo dello spettacolo”. L’ex premier: “Hai ragione”
Politica / Salvini al bivio: se la Lega va male alle comunali rischia grosso. Zaia e Fedriga in pole per la successione
Ti potrebbe interessare
Politica / Il deputato di Italia Viva Francesco Scoma passa alla Lega: l’annuncio di Salvini
Politica / Fedez attacca Conte: “I comizi gremiti uno schiaffo al mondo dello spettacolo”. L’ex premier: “Hai ragione”
Politica / Salvini al bivio: se la Lega va male alle comunali rischia grosso. Zaia e Fedriga in pole per la successione
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”