Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Taglio dei parlamentari, la Commissione approva la riforma costituzionale: il testo in Aula alla Camera il 7 ottobre

Immagine di copertina
L'Aula della Camera dei Deputati

Si avvicina la riduzione del numero di deputati e senatori

Taglio dei parlamentari, la Commissione approva la riforma

La commissione Affari costituzionali della Camera dei Deputati ha approvato la riforma costituzionale per il taglio dei parlamentari, una delle proposte principali del programma del governo M5S-Pd, fortemente voluta dai pentastellati. Si avvicina dunque la riduzione del numero dei membri di Camera e Senato.

A favore del taglio del numero di deputati e senatori hanno votato, a quanto si apprende, i partiti della maggioranza e contro Forza Italia (presente con un solo parlamentare) e +Europa. Erano invece assenti i deputati di Lega e Fratelli d’Italia. È stato votato il mandato al nuovo relatore Giuseppe Brescia, che è presidente della commissione. Il testo è atteso in Aula il 7 ottobre.

I sondaggi politici elettorali di oggi 1 ottobre

A che punto siamo

Il testo per il taglio dei parlamentari è stato già approvato, in prima deliberazione dal Senato in un testo unificato, poi alla Camera dei Deputati il 9 maggio scorso, e in seconda deliberazione di nuovo a Palazzo Madama. Con l’ultimo via libera dell’Aula di Montecitorio, a maggioranza assoluta, la riforma diventerà legge, a meno che non venga chiesto un referendum confermativo.

Con l’approvazione alla Camera del taglio, dalla prossima legislatura in Parlamento siederanno meno eletti. Il numero dei deputati scenderà da 630 a 400. Quello dei senatori invece da 315 a 200. Avremo il 36,5 per cento in meno degli attuali componenti elettivi: 230 deputati e 115 senatori in meno.

Le norme non sono applicabili in caso di scioglimento delle Camere prima che siano decorsi 60 giorni dall’entrata in vigore della legge.

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto
Politica / Pd, Elly Schlein verso la candidatura alla segreteria: “Costruiamo una nuova strada”