Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il sindaco di Biella chiede scusa a Liliana Segre: “Sono stato un cretino, ma sulla vicenda è stata fatta una speculazione indegna”

Immagine di copertina

Dopo le polemiche sulla cittadinanza negata alla reduce della Shoah, il primo cittadino ha fatto un passo indietro definendo la Segre: "Patrimonio dell'umanità"

Il sindaco di Biella Claudio Corradino si scusa con Liliana Segre: “Sono stato un cretino”

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, sono arrivate le scuse del sindaco di Biella Claudio Corradino nei confronti di Liliana Segre, alla quale la sua giunta aveva negato la cittadinanza onoraria, preferendole Ezio Greggio, il quale oltretutto aveva anche rifiutato.

“Io sono stato un cretino, lo ammetto, e chiedo scusa alla Segre e a Greggio, però su questa cosa è stata fatta una speculazione indegna da parte di tutti quanti e mi dispiace” ha dichiarato Corradino ai microfoni di Stasera Italia, in onda nella serata di mercoledì 20 novembre su Retequattro.

Ezio Greggio cittadino onorario, ma Liliana Segre no: bufera politica a Biella

“Il risultato è stato negativo, ingiustamente – ha proseguito il sindaco di Biella – Una grandissima sciocchezza che è diventata una cosa nazionale. La signora Segre non ha bisogno che arrivi il sindaco di Biella a darle la cittadinanza, è un ‘patrimonio dell’umanità’ e le chiedo ancora scusa. L’ho invitata anche a Biella per la Giornata della Memoria e non c’è nulla contro di lei” ha poi concluso Corradino.

Ezio Greggio rifiuta la cittadinanza onoraria di Biella per rispetto di Liliana Segre: “Coerenza ai miei valori”

Di tenore diverso erano state le dichiarazioni che il Corradino aveva rilasciato, sempre nella giornata di mercoledì 20, a Radio Capital.

“La signora ha subito quello che ha subito 70 anni fa. Voglio dire che si tira fuori la signora adesso evidentemente perché c’è un tentativo di minare la libertà espressione” aveva affermato il sindaco di Biella.

La storia di Nereo Greggio, il padre del conduttore deportato in Germania nei lager nazisti

“Sono state messe insieme due cose che non c’entravano niente tra loro. Il fatto di voler censurare alcune espressioni a me fa pensare al peggior maccartismo. Tutto l’impianto che c’è dietro la signora non mi piace. C’è gente che vuole approfittare delle sofferenze che la signora ha subito” aveva concluso poi Corradino.

Ezio Greggio e Liliana Segre: l’imbarazzante tentativo di un sindaco di farsi pubblicità (di G. Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani