Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La sindaca leghista di Monfalcone vuole schedare i prof di sinistra. Il Pd attacca, la prima cittadina si difende: “Pure invenzioni”

Immagine di copertina

Anna Cisint in passato aveva già fatto parlare di sé per aver introdotto un tetto del 45 per cento di stranieri per classe

La sindaca leghista di Monfalcone vuole schedare i prof di sinistra

Anna Cisint, sindaca leghista di Monfalcone, nella bufera dopo aver proposto una sorta di schedatura per i prof di sinistra.

Tutto è iniziato lo scorso 1 agosto quando la prima cittadina di Monfalcone, comune del Friuli-Venezia Giulia con poco meno di 30mila abitanti, ha commentato sul suo profilo Facebook un articolo del giornalista di Nicola Porro in cui si denunciava l’occupazione della scuola pubblica da parte di insegnanti di sinistra. “Ho molte segnalazioni anch’io….di ragazzi e ragazze delle scuole superiori. Valuteremo se da settembre far partire un servizio di ascolto riservato” ha scritto Anna Cisint.

La donna in breve tempo è stata travolta dalle polemiche, accusata di voler effettuare una vera e propria lista di proscrizione ai danni dei professori.

L’ex presidente del Friuli-Venezia Giulia Debora Serracchiani, del Partito Democratico, ha parlato di “caccia alle streghe delle Lega contro i terribili insegnanti di sinistra”, mentre Camilla Sgambato, responsabile Scuola della segreteria nazionale del Pd, ha affermato che: “In un Paese normale il ministro dell’Interno, leader del partito della sindaca, ma soprattutto il ministro dell’Istruzione avrebbero già censurato le scelte di questa sindaca”.

Oggi, lunedì 5 agosto, la sindaca ha dato la sua versione dei fatti parlando di “pure invenzioni da parte della sinistra”.

La Cisint, infatti, sempre attraverso il suo profilo Facebook ha ribadito che la sua intenzione era quella di “aprire un punto di ascolto, gestito dal garante dell’infanzia e adolescenza”.

“La realtà – scrive la prima cittadina di Monfalcone – è molto più semplice e banale: i ragazzi, i genitori e gli insegnanti con cui ho parlato hanno evidenziato un disagio molto grave e nessuno meglio di un professionista (il garante è un ex insegnante) può valutare il ‘da farsi’. Nessuna lista di alcun tipo!”.

La sindaca in passato aveva già fatto parlare di sé per aver introdotto un tetto del 45 per cento di stranieri per classe e aver bandito i quotidiani Avvenire e il Manifesto dalla biblioteca comunale.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)