Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Chi è Sergio Costa, il nuovo ministro dell’Ambiente nel governo Conte

Immagine di copertina
Sergio Costa, il nuovo ministro dell'Ambiente.

È il generale che ha scoperto la Terra dei Fuochi e per questo è stato chiamato a guidare il dicastero dell'Ambiente nel governo giallo-verde

Sergio Costa, generale dei carabinieri, è diventato il nuovo ministro dell’Ambiente nel governo Lega-M5s guidato dal premier Giuseppe Conte.

Il nome di Sergio Costa era già stato indicato per il dicastero dell’Ambiente dal capo politico del Movimento Cinque Stelle, Luigi Di Maio, prima delle elezioni del 4 marzo, nella lista dei ministri pentastellati da presentare a Mattarella in caso di vittoria.

La nascita dell’esecutivo M5S-Lega è stata resa possibile dall’accordo raggiunto tra i leader dei due partiti, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e il capo dello Stato sulla rinuncia a nominare ministro dell’Economia l’economista Paolo Savona, contestato per via delle sue posizioni su Unione europea ed euro.

Savona farà comunque parte del nuovo governo, ma con un ruolo diverso: quello di ministro degli Affari europei.

Al suo posto è stato nominato ministro dell’Economia il professor Giovanni Tria, ordinario di economia politica all’Università Tor Vergata di Roma e presidente della Scuola Nazionale dell’Amministrazione.

Qui abbiamo raccolto la lista completa dei ministri del nuovo governo Lega-5 Stelle.

Chi è Sergio Costa

Sergio Costa ha 59 anni ed è un generale di brigata dell’Arma dei carabinieri e comandante della Regione Campania dei Carabinieri forestali.

Ha guidato l’inchiesta sulla Terra dei fuochi in Campania e proprio per questa battaglia simbolo è stato chiamato a guidare il dicastero dell’Ambiente.

“L’ambiente sarà centrale e come ministro ho intenzione di proporre Sergio Costa, generale di brigata dell’Arma dei carabinieri”, aveva detto Di Maio prima del voto.

“Da servitore dello Stato, qualora il premier incaricato ritenesse di indicarmi come possibile ministro dell’Ambiente, mi renderò disponibile”, aveva risposto Costa.

Il generale Costa è laureato in Scienze Agrarie, ha conseguito un master in diritto dell’Ambiente ed è specializzato in investigazioni ambientali.

Nella sua carriera si è impegnato nel contrasto alle ecomafie e al clan dei Casalesi e, come ha ricordato Di Maio in un post su Facebook, “ha scoperto la più grande discarica di rifiuti pericolosi di Europa seppellita nel territorio di Caserta mettendo a nudo gli opachi rapporti delinquenziali nell’ambito dei rifiuti tossici”.

Costa “ha anche scoperto la discarica dei rifiuti nel territorio del Parco Nazionale del Vesuvio. Inoltre ha operato attivamente nell’ambito di indagini internazionali sempre nell’ambito di traffico illecito di rifiuti nocivi. Ha collaborato con la Direzione Nazionale Antimafia nello svolgimento di analisi investigative ambientali sull’intero territorio nazionale”, secondo il post citato.

Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera con 527 schede bianche, 39 voti a Maddalena e Mattarella. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio, no del centrosinistra. Letta: "Chiudiamoci in una stanza e troviamo una soluzione"
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto dal centrodestra come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri