Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato

Immagine di copertina
Palazzo Chigi, abbiamo un problema. Mario Draghi ha rimosso il segreto su P2 e Gladio, ma si è scordato il meglio: far trasparenza sulle carte conservate nei cassetti e negli scatoloni della Nato ancora inviolabili anche per tutte le altre pagine oscure della storia della Repubblica, a partire da Ustica e caso Moro. E resteranno tali, se qualcosa non cambia, nonostante l’ultima direttiva del governo, la terza sulla declassificazione degli atti top secret dopo quelle varate in precedenza da Prodi e Renzi.
«C’è un problema ricorrente che riguarda la documentazione conservata alla Farnesina e relativa alle diplomazie estere», ha detto lo storico Aldo Giannuli già consulente della commissione Stragi e di innumerevoli autorità giudiziarie sentito al Senato dalla commissione Affari costituzionali che ha poi aggiunto: «E c’è un problema nel problema, ossia le carte Nato: presso ogni amministrazione sensibile del nostro Paese c’è un ufficio sicurezza Patto Atlantico dove non solo non si può chiedere alcuna documentazione, ma non vi si può nemmeno accedere: lì è tutto secretato essendo riferito a un organismo sovranazionale che non è sottoposto a legislazione italiana. Se per esempio quarant’anni fa un dirigente del servizio affari riservati ha messo, magari per sbaglio, una carta in quell’ufficio, non lo sapremo mai».
Con buona pace delle tre direttive, che peraltro hanno desecretato poco e male a sentire le associazioni dei familiari delle vittime della strage di Bologna o di Ustica: i documenti versati finora nell’Archivio centrale dagli enti dello Stato, a partire dai servizi segreti, sono ancora esigui e quelli consultabili ancora pieni di omissis o pecettature. Gli X files degli archivi Nato invece sono proprio tabù.
Ti potrebbe interessare
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Ti potrebbe interessare
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”
Politica / Tensioni nel governo, Draghi vede Mattarella