Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Sardine, piazza semi-vuota a Roma: la manifestazione per il No al referendum è un flop

Immagine di copertina

Doveva essere una grande manifestazione per spiegare le ragioni del NO, quella organizzata ieri dalla Sardine in piazza Santi Apostoli a Roma, e invece si è rivelata un mezzo flop. Un’iniziativa nazionale a cui partecipavano tutti i Comitati del No sorti in questi mesi e anche molti parlamentari.

Ci si aspettava una partecipazione massiccia, e invece le adesioni sono state poche, talmente poche da non riuscire nemmeno a riempire i bollini segna-posto apposti per il distanziamento sociale nell’epoca del Covid. I promotori del no, Sardine, Volt Italia e Comitato NOstra, contavano di riempire lo spazio una volta dell’Ulivo e di Romano Prodi, che venerdì sera ha confermato il suo No.

Come spiega il Fatto Quotidiano, in piazza c’erano migliaia di bollini rossi contro il taglio dei parlamentari (“Così No!”): a mancare però sono stati i partecipanti. E i bollini restano inoccupati, a prendersi il sole dell’ultima domenica estiva di Roma. Una disfatta che avrebbe indotto il volto delle Sardine, Mattia Santori, a lasciare prematuramente la piazza semivuota, decidendo di non farsi neppure vedere – dicono gli organizzatori – lasciando i suoi compagni da soli nel vuoto.

Mattia Santori – si legge ancora sul Fatto Quotidiano – fiutata la piazza mezza vuota, è diventato introvabile. Ma Santori? Dov’è Mattia Santori? Imbarazzo nel retropalco: “Santori è venuto alla manifestazione, ma è rimasto poco, aveva impegni, è dovuto andare via”.

Lo stesso Santori però è stato avvistato il 12 settembre a Cascina, in provincia di Pisa, dove ha indossato una t-shirt con scritto ‘Così NO la piazza che non ci sta’ e si è presentato al comizio del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, organizzato proprio a sostegno del Sì al referendum sul taglio dei parlamentari, e dei candidati M5s alle regionali e alle amministrative. Così Mattia Santori, leader delle Sardine, ha voluto affermare il proprio No al taglio dei parlamentari. Santori ha poi pubblicato un video sulla pagina Facebook di 6000 Sardine, realizzando una specie di “contro-comizio” in contemporanea a Di Maio, e attaccandolo su più punti.

Leggi anche: “Insegnante di frisbee” e “occhi stanchi” l’imbarazzante agiografia di Mattia Santori sulla pagina delle Sardine

Ti potrebbe interessare
Politica / Letta chiude ancora al M5s: “Le alleanze sono definite. Calenda? Ha deciso di aiutare la destra”
Politica / Conte: “Campo largo col Pd? Non siamo professionisti della politica”
Politica / Strappo Calenda-Pd, Renzi punta al terzo polo: “Opportunità straordinaria”
Ti potrebbe interessare
Politica / Letta chiude ancora al M5s: “Le alleanze sono definite. Calenda? Ha deciso di aiutare la destra”
Politica / Conte: “Campo largo col Pd? Non siamo professionisti della politica”
Politica / Strappo Calenda-Pd, Renzi punta al terzo polo: “Opportunità straordinaria”
Politica / La replica di Enrico Letta: "L’unico alleato possibile per Calenda è Calenda"
Politica / Calenda rompe con il Pd: "Non intendo andare avanti con questa alleanza, decisione sofferta"
Politica / Bertinotti boccia l’accordo tra Sinistra e Pd: “Il Paese reale chiede altro, così non si vince”
Politica / Calenda tentato dallo strappo con il Pd: ora il leader di Azione potrebbe correre da solo
Politica / Costituzione tradita: la nostra privacy è in mano alle Big Tech
Politica / Conte: “Il Pd ha scelto l’ammucchiata, l’unico voto utile al M5s”
Politica / Pd-Sinistra-Verdi, Letta: "Accordo necessario, vogliamo evitare un governo di destra-destra”