Me

#SalviniSukaDay: l’hashtag virale su Twitter nel primo giorno del governo M5S-Pd

Nel giorno del giuramento del Conte bis, migliaia di utenti esultano per l'addio al Viminale del leader della Lega

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 5 Set. 2019 alle 21:40 Aggiornato il 5 Set. 2019 alle 22:08
Immagine di copertina
Matteo Salvini non è più vicepremier né ministro dell'Interno. Credit: Marco BERTORELLO / AFP

#SalviniSukaDay: hashtag virale su Twitter nel giorno del governo M5S-Pd

Nel giorno del giuramento del governo Conte 2, sostenuto da M5S e Pd, il protagonista assoluto su Twitter è stato il grande ex dell’esecutivo, il leader della Lega, Matteo Salvini: sul social è infatti diventato virale l’hashtag #SalviniSukaDay.

L’espressione – un evidente sfottò nei confronti del leader della Lega, ormai ex vicepremier ed ex ministro dell’Interno – è diventata in poche ore un un trending topic di Twitter, accompagnando migliaia di tweet.

Nella maggioranza dei messaggi gli utenti esultano per l’uscita di scena dai palazzi del potere di Salvini: alcuni propongono di fissare il 5 settembre come festa di liberazione nazionale.

“E gira e rigira è sempre lui, il truce padano, che monopolizza twitter. Anche oggi, un hastag dedicato a lui è al primo posto”, commenta l’utente Oblomov. “Vedere mr papete schiumare di rabbia non ha prezzo per tutto il resto c’è vincisalvini”, ironizza Alessandro.

“Ma per partecipare al #SalviniSuKaDay basta mandargli tanti bacioni dal nuovo governo?”, si chiede ironico un altro Alessandro. “Se pensate che la vostra vita sta andando a rotoli pensate a Matteo Salvini”, commenta sarcastica Virginia. “Mia sorella è nata nel #SalviniSukaDay .. brava @meriticchia , mi dai sempre soddisfazione…”, osserva l’account Lilly Loves Unicorns.

Tra i messaggi che riportano l’hashtag ci sono anche diversi meme, anche questi che sbeffeggiano l’ormai ex vicepremier e ministro dell’Interno. Il diretto interessato, almeno per il momento, non commenta.

Lamorgese attende Salvini al Viminale per il passaggio di consegne ma lui è andato a farsi i selfie coi funghi (di L. Tosa)