Salvini lancia la scuola di politica della Lega. Testimonial? Armando Siri, l’ex sottosegretario indagato per corruzione

Di Laura Melissari
Pubblicato il 20 Giu. 2019 alle 18:52
8
Immagine di copertina

Salvini scuola politica Siri | Armando Siri | Scuola di formazione politica della Lega | Matteo Salvini

Salvini scuola politica Siri | “Eccoci arrivati alla quinta edizione della nostra Scuola di Formazione Politica”. È l’annuncio di Matteo Salvini su Facebook.

“Si parte il 20 ottobre per 6 domeniche indimenticabili: un’occasione di studio, di ascolto, di confronto e di crescita, che tutti ci invidiano. Un percorso formativo che dura 3 anni e coinvolge massimi esponenti della politica, delle istituzioni, delle professioni, dell’imprenditoria italiana, oltre a docenti universitari di primo piano. Quest’anno in palio anche 10 borse di studio per giovani fino a 24 anni e la possibilità di seguire le lezioni anche online”, scrive il vicepremier.

Il leader leghista sceglie un testimonial d’eccezione per l’iniziativa: Armando Siri, l’ex sottosegretario leghista indagato per corruzione.

Questo il post di Salvini su Facebook:

Salvini scuola politica Siri | Armando Siri è l’ideatore e responsabile della Scuola di formazione politica della Lega. “Abbiamo pensato fosse necessario e utile concederci l’occasione di riappropriarci del nostro destino attraverso la conoscenza della politica, consapevoli che saremo noi a determinare il nostro futuro, senza voler cercare scorciatoie attribuendo agli “altri”, siano essi politici o uomini di potere in genere, la responsabilità della nostra piena soddisfazione”, si legge nella presentazione dei corsi, firmata dallo stesso sottosegretario.

Matteo Salvini è invece il promotore della scuola.

La scuola è basata su un modello didattico che usa lezioni in aula tenute da docenti universitari e testimonianze di ospiti illustri.

Extraterrestri e carboni ardenti: il passato alchimista del leghista Siri, indagato per corruzione

8
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.