Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Fonti del Governo a TPI: “Letta-Salvini? Scontro finto solo per darsi un’identità, Draghi non rischia nulla”

Immagine di copertina

Tra Letta e Salvini ci si avvicina allo scontro finale? Si va verso l’inesorabile resa dei conti con possibile crisi di governo in arrivo? “Ma quale resa dei conti”, spiega una fonte di primo piano da Palazzo Chigi. “PD e Lega stanno diligentemente approvando tutti i provvedimenti del governo e continueranno a farlo”. Altro che crisi di governo. Insomma, i “gufi” (dentro ma cominciano ad essercene anche fuori dall’Italia soprattutto tra i Paesi del Nord Europa) sono serviti. Non c’è la benché minima preoccupazione per le sparate quotidiane di Salvini e di Enrico Letta.

Due partiti in cerca d’autore. Del primo si dice che “sta giocando una partita tutta interna al centrodestra per rintuzzare l’ascesa di Giorgia Meloni” mentre il secondo, neo segretario del PD, starebbe semplicemente cercando di dare un’identità al partito in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Insomma, can che abbaia non morde.

Da palazzo Chigi ribadiscono a TPI che il governo non rischia assolutamente nulla e va avanti per la sua strada anche se tutto sommato qualche preoccupazione deve pur esserci visto che, come siamo in grado di rivelare, dietro all’incontro dei giorni scorsi del Capo dello Stato Sergio Mattarella con i Presidenti di Camera e Senato Fico e Casellati c’è proprio lo “zampino” di Palazzo Chigi che avrebbe riservatamente chiesto una mano al Capo dello Stato per tenere sotto controllo la situazione. Ovvero per accertarsi che non ci siano ritardi nell’approvazione del Pnrr e delle relative riforme (di cui otto da fare entro giugno) che serviranno per incassare i soldi dall’Europa: su questo si gioca la credibilità dell’intero paese oltre che di governo e Quirinale (che ha voluto Draghi a palazzo Chigi).

Non per niente al Colle stanno continuando a monitorare costantemente la situazione onde evitare che, tra una “sparata” e l’altra, per piccoli interessi di bottega a qualcuno dei politici nostrani non scappi la frizione e mandi a gambe all’aria il paese. Ma si stanno muovendo anche altri “pacificatori”: Giorgetti si è già messo all’opera per cercare di calmare le acque con l’impegno di organizzare un incontro de visu o almeno telefonico tra i due (Salvini e Draghi).

Da sottolineare anche che al Quirinale non hanno preso per niente bene tutto questo vociare sul futuro del Colle (evidente il riferimento alle dichiarazioni del leader leghista): “Con Mattarella nel pieno dei suoi poteri sarebbe bene non parlare di future candidature o ricandidature”, il refrain. Insomma, la politica aspettasse almeno l’avvio del semestre bianco prima di avventurarsi in congetture.

Leggi anche: Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale e avverte: “Questo governo non potrà fare le riforme”

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Fiorello convince Guido Crosetto a cantare “Bella Ciao” | VIDEO
Politica / Bonaccini sull’ingresso di Giarrusso nel Pd: “Noi aperti a tutti ma prima chieda scusa”
Politica / Sospetti sulle elezioni politiche del 2022: “All’estero hanno votato troppi centenari”. Indaga la Procura
Ti potrebbe interessare
Politica / Fiorello convince Guido Crosetto a cantare “Bella Ciao” | VIDEO
Politica / Bonaccini sull’ingresso di Giarrusso nel Pd: “Noi aperti a tutti ma prima chieda scusa”
Politica / Sospetti sulle elezioni politiche del 2022: “All’estero hanno votato troppi centenari”. Indaga la Procura
Politica / Meloni a Tripoli: “Rafforzata collaborazione con l’autorità libica in relazione alla guardia costiera”
Politica / Crosetto sotto attacco dell’ex premier russo Medvedev: “È uno sciocco raro”
Politica / L’ex M5s Giarrusso entra nel Pd: “Sto con Bonaccini, all’Italia serve più sinistra”
Politica / Pista anarchica per gli attacchi ai diplomatici italiani a Barcellona e Berlino: cinque fermati
Politica / Carcere per i clienti delle prostitute e per chi si apparta in auto: la proposta di legge di Fratelli d’Italia
Politica / Zelensky a Sanremo, da Calenda a Conte si allarga il fronte dei politici contrari
Politica / Revelli a TPI: “Meloni sta realizzando una rivoluzione conservatrice mai riuscita a nessuno in Italia”