Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quando Salvini pregava per dj Fabo ed era a favore della libertà di scelta dei cittadini

Immagine di copertina

Quando Salvini pregava per dj Fabo e chiedeva che fosse garantita la libertà di scelta dei cittadini

C’è stato un tempo in cui Matteo Salvini sembrava essere favorevole alla libertà di autodeterminazione dell’individuo e a sancire il diritto a un fine vita dignitoso per chi, come Dj Fabo, desiderava porre fine alle proprie sofferenze. Era un Salvini decisamente differente da quello che invece oggi tuona contro la recente sentenza della Consulta sul caso di dj Fabo e dichiara di essere contrario al “suicidio di Stato imposto per legge“. Non sono passati nemmeno tre anni, ma la visione del leader della Lega appare diametralmente opposta rispetto a quella propugnata ora.

Dolore, rispetto e una preghiera per la morte, e per la nuova vita, di Dj Fabo.Garantire la libera scelta di ogni…

Posted by Matteo Salvini on Monday, February 27, 2017

“Dolore, rispetto e una preghiera per la morte, e per la nuova vita, di Dj Fabo. Garantire la libera scelta di ogni cittadino, ma soprattutto assicurare una vita dignitosa a chi invece vuole continuare a combattere e ai suoi familiari: questo dovrebbe fare un Paese serio, cosa che oggi l’Italia non è”, scriveva su Facebook il segretario del Carroccio commentando la morte di Fabiano Antoniani, meglio conosciuto come Dj Fabo, il ragazzo cieco e tetraplegico che chiese a Marco Cappato di aiutarlo a ottenere il suicidio assistito in Svizzera.

Meno di tre anni fa, dunque, Salvini era favorevole alla libertà di autodeterminazione, a garantire a ogni individuo la possibilità di scegliere per il proprio fine vita e criticava la poca serietà dell’Italia in materia. Oggi, invece, intervenuta la svolta iper-cattolica che ha portato il leghista a tenere comizi baciando rosari e ad assumere posizioni oltremodo oltranziste, di quella vergogna per la mancanza di serietà dell’Italia non si trova più traccia nelle dichiarazioni di Salvini.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)