Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

A volte ritornano: a Roma il centrodestra offre un posto in giunta ad Alemanno. Il retroscena

Immagine di copertina
Gianni Alemanno, sindaco di Roma dal 2008 al 2013. Credit: ANSA

La campagna elettorale per le elezioni comunali di Roma sta per entrare nel vivo e i contendenti non si risparmiano colpi bassi. “Ancora non avete visto nulla”, spiegano a mezza bocca dagli staff dei due principali candidati, Roberto Gualtieri ed Enrico Michetti. Oggi poi il Pd c’è andato giù pesante utilizzando anche l’affaire Durigon contro il candidato sindaco del centrodestra.

“Tutti ne parlano ed esprimono la loro opinione, meno uno: Michetti, candidato di Salvini e Meloni a sindaco di Roma”, fanno notare i dem, sottolineando che “Durigon è un pezzo da novanta per il Carroccio del Lazio e della Capitale”. E quindi proseguono dal Pd, “è legittimo chiedere a Michetti se pensa sia giusto cambiare il nome del parco di Latina ed intitolarlo al fratello del Duce”. “Può esprimere una propria opinione o deve chiedere il permesso ai suoi sponsor fan della famiglia Mussolini? I romani devono sapere, Michetti non scappi, come sta facendo da ogni dibattito. Faccia sentire la sua voce in autonomia, se ne è in grado. Michetti, se ci sei batti un colpo”.

Così i dem, che per tutto il giorno stanno andando avanti con il fuoco di fila. Nel Partito democratico hanno capito che la vicenda Durigon può rappresentare un tallone di Achille anche per il centrodestra a Roma, oltre che per il capitano leghista Matteo Salvini a livello nazionale.

Ma la notizia destinata a fare ancora più rumore è un’altra: dalle parti del centrodestra (soprattutto in zona leghista) si starebbe pensando di offrire un posto in giunta all’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno. “Bisogna cominciare a smuovere una campagna elettorale che stenta ancora a decollare”, spiegano ambienti di centrodestra. E quale potrebbe essere il nome migliore se non quello di Gianni Alemanno, da poco assolto in Cassazione dalle arcinote vicende giudiziarie? L’ex sindaco di Roma disse: “Non c’è più quel fango che mi era stato tirato addosso. Finisce un incubo durato sette anni”. E ora per lui si ritorna a parlare di politica.

Tutte le notizie sulle elezioni comunali di Roma 2021
Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”