Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Retroscena TPI – Rai, slitta il Cda per l’approvazione del Bilancio. Ma è pronto da due settimane

Immagine di copertina

La notizia era nell’aria già da qualche giorno, almeno dalla fine della scorsa settimana: è slittato il Consiglio di amministrazione della Rai al 23 aprile. Il Cda era stato convocato inizialmente per domani – mercoledì, 14 aprile – ma in seguito è stato rinviato.

I consiglieri si aspettavano infatti l’invio dell’ordine del giorno che doveva prevedere la discussione dell’approvazione del bilancio consuntivo 2020. Fonti interne al CdA rivelano che questo rinvio è dovuto a “sopravvenuti impegni istituzionali”.

Insomma, si fa più incerta la data di approvazione del bilancio, l’ultimo atto formale dell’attuale dirigenza prima del rinnovo. C’è chi sostiene che si voglia soltanto prendere tempo per sperare di restare un mese in più in sella. A conferma di ciò ecco cosa dice a TPI il deputato Michele Anzaldi, membro della Commissione vigilanza Rai: “Se è vero questo rinvio dal 14 al 23 aprile del Cda Rai per la discussione del Bilancio, saremmo di fronte ad un comportamento gravissimo di questi vertici Rai: tirano per le lunghe l’approvazione per prorogare di fatto il proprio mandato e approvare i palinsesti dell’anno prossimo, impedendo ai loro successori di decidere sul futuro dell’azienda. Un vero scippo”.

“Anche perché il Bilancio 2020, come ha comunicato la stessa Rai, è già pronto almeno dal 2 aprile. Draghi si sbrighi a prendere in mano il dossier Rai e riporti subito l’azienda sulla retta via, sono in ballo i miliardi di euro del canone dei cittadini e poi è in ballo anche la sua azione di governo”, prosegue il parlamentare di Italia Viva.

“Basta vedere l’ultimo sondaggio Swg trasmesso dal tg La7: Draghi viene ritenuto ampiamente migliore di Conte sulla gestione del piano vaccinale, sulla qualità del governo, sulla politica estera. Solo su un punto Conte è sopra: la comunicazione. Quello che la Rai ha fatto per Conte non ha precedenti nella storia del servizio pubblico, un asservimento senza paragoni. Per questo Draghi deve intervenire subito”.

Leggi anche: Ultime dalla Rai. Partiti al lavoro sulle nomine: per la presidenza spunta Ferruccio de Bortoli //  Rai, Cdp, Ferrovie dello Stato: al via la grande spartizione tra PD, 5 Stelle e Lega // Anticipazione TPI: Alessio Giannone (Pinuccio di Striscia la notizia) si candida per il Cda della Rai // Retroscena TPI: anche in Rai arriva il “modello Draghi”

Ti potrebbe interessare
Politica / Insultano Mattarella sul web: perquisizioni per 11 indagati
Politica / Report, la testimone dell'incontro Renzi-007: "Ho sentito Mancini dirgli 'sono a disposizione'"
Cronaca / Sileri: “Addio mascherine quando avremo 30 milioni di italiani vaccinati”
Ti potrebbe interessare
Politica / Insultano Mattarella sul web: perquisizioni per 11 indagati
Politica / Report, la testimone dell'incontro Renzi-007: "Ho sentito Mancini dirgli 'sono a disposizione'"
Cronaca / Sileri: “Addio mascherine quando avremo 30 milioni di italiani vaccinati”
Opinioni / Crisi di governo, battaglia sugli sbarchi e mojito: la prevedibile estate di Salvini per inseguire la Meloni (di G. Cavalli)
Politica / Fonti Pd a TPI: “Se Gualtieri perde a Roma, via Letta. Chiederemo un nuovo segretario”
Politica / Caso Renzi-007, Report rincara la dose: stasera parla la fonte che ha girato il video
Politica / Renzi: "Voglio intervenire a Report". E Ranucci lo invita: "Presto nostro ospite"
Politica / #VotoSanoDaLontano, la campagna perché si predispongano modalità di voto a distanza a beneficio dei fuorisede
Politica / Renzi: “Conte è malato di complottismo. Menomale che ora c’è Draghi”
Politica / Migranti, verso la cabina di regia dopo il colloquio di Draghi con Lamorgese. Pressing di Salvini