Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Renzi chiede un nuovo contratto di Governo: “Entrino Zingaretti o Orlando oppure sarà tardi”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 4 Ott. 2020 alle 13:05
185
Immagine di copertina
Matteo Renzi Credits: ANSA

Adesso tocca a Zingaretti o al limite a Orlando. Non è in discussione Conte, ma servono scelte su Mes, Ilva, Autostrade, Recovery e legge elettorale”. A dirlo è il leader di Italia Viva e ex premier Matteo Renzi in un’intervista a Repubblica che potrebbe far entrare il governo in una nuova fase.

Conte non è in discussione, ma leader Pd devono contare di più

Secondo Renzi, “Conte non è in discussione. Il tavolo per decidere che fare è un dovere morale verso il Paese. Decidere chi deve fare quelle cose, rafforzando eventualmente la squadra, è conseguenza, non premessa, del tavolo politico. La questione riguarda soprattutto la leadership del Pd. Se il segretario Zingaretti accettasse di entrare al governo la maggioranza sarebbe più forte“. Serve quindi una verifica, un test per l’esecutivo, “non possiamo andare avanti di emergenza in emergenza solo contro Salvini. O si fa il salto di qualità ora, o mai più”, dice il leader toscano.

Nuovo contratto di governo

Quello paventato da Matteo Renzi su Rep è un nuovo contratto di governo: “Il problema del Conte1 non era l’idea del contratto, ma il suo contenuto. Bisogna cambiare i decreti sicurezza, bene la svolta di Conte su quota100, ottimo il nuovo posizionamento in Europa dietro alla Merkel e non ai gilet gialli. E se non vogliono cancellare subito il reddito di cittadinanza iniziamo col rimandare a casa Mimmo Parisi, il capo di Anpal. Lui è il responsabile del fallimento dei navigator: rimandiamolo di corsa in Mississippi. Se serve gli pago il biglietto aereo purché sia solo andata”.

Equilibri

In merito alle divergenze di vedute nella maggioranza, “Zingaretti ha vinto le Regionali, Di Maio ha vinto il referendum, Conte è il capo del governo. E noi siamo decisivi al Senato. Questa è la realtà.  Siamo costretti ad andare d’accordo, costretti in nome del patriottismo democratico”, dichiara Renzi. “La strada oggi è lavorare insieme, per fare le scelte giuste in risposta alla crisi. Abbiamo bisogno di fare un viaggio per due anni e mezzo nella stessa carrozza, dico ‘organizziamoci’. Perché gli altri staccherebbero dalla locomotiva europea il vagone italiano. È il momento di mettere da parte le ripicche ed essere patrioti. Chi dice no, diserta”.

Leggi anche: Matteo Renzi a TPI: “Sono tornato. E ora supererò anche i grillini, siamo solo a 3 punti. Non rientro nel Pd e non chiedo il rimpasto di governo”

185
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.