Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quirinale, Renzi: “Pronti a votare candidato centrodestra, ma non Berlusconi”. E profetizza 3 scenari

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Sono ore calde per la politica italiana. Ieri sera, dopo un incontro di due ore, i leader della coalizione di centrodestra hanno chiesto a Silvio Berlusconi di “sciogliere in senso favorevole la riserva fin qui mantenuta” e candidarsi alla presidenza della Repubblica. Matteo Renzi, leader di Italia Viva, alla riunione dei grandi elettori del partito si esprime con scetticismo sulla posizione del centrodestra e sulla candidatura di Silvio Berlusconi: “Oggi alla riunione del centrodestra” sul Quirinale “c’è stata una indicazione di Berlusconi a metà, perché deve verificare i numeri. E’ un passo indietro per loro nella candidatura di Berlusconi”.

“Il mio messaggio è per Salvini e Meloni, loro rischiano la sindrome di Bersani. I numeri ce li hanno loro, se sono capaci portano a casa il risultato. Se no, vengono colpiti dalla sindrome di Bersani”, aggiunge. “Nel 2015 avevamo 420 voti, oggi il centrodestra ne ha 460. Se loro sono capaci, costruiscono la maggioranza. Se no vanno a sbattere, ed è la prima partita di Champions. Non è più di precampionato o coppa Italia. Lì si vede chi è capace e chi no”, prosegue.

“Non credo che lunedì 24 la prima votazione porterà molto lontano: attenzione ai trucchi e alle difficoltà dell’elezione del presidente della Repubblica, l’ho detto anche al centrodestra. Il rischio di una “sindrome di Bersani”, che nel 2013 era convinto di giocare un ruolo e purtroppo lo giocò non in positivo, è un rischio molto alto, soprattutto per Meloni e Salvini”, ha sottolineato Renzi. Poi, ha parlato di tre scenari possibili. Il primo per il Colle: “Un uomo o una donna di centrodestra che gode però di apprezzamento che va oltre gli elettori di centrodestra. Quello che è accaduto oggi nella riunione del centrodestra con un’indicazione su Berlusconi che è un’indicazione a metà”.

La “seconda ipotesi: andare a chiedere all’italiano più autorevole e forte in questo momento e con una maggiore presenza istituzionale, Mario Draghi, di lasciare l’incarico da premier e andare al Quirinale”. In questo caso “si aprirebbe l’ipotesi di un governo Ursula senza Salvini o di un governo dei leader”.

Infine, la “terza ipotesi, che prevede che resti la candidatura di Berlusconi a tutti i costi e dalla quarta votazione sia il candidato dove si tenti il tutto per tutto per provare a eleggerlo”. In questo caso o c’è l’Aventino, “come suggerito da Enrico Letta”, ma è una proposta che non piace a Renzi, “o si va in Aula e si va al gioco della verità dove si candida e si vota un’altra personalità da contrapporre a Berlusconi. Sarebbe uno scontro all’ultimo voto, mai avvenuto in questa intensità per il Capo dello Stato”.

Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Ti potrebbe interessare
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera con 527 schede bianche, 39 voti a Maddalena e Mattarella. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio, no del centrosinistra. Letta: "Chiudiamoci in una stanza e troviamo una soluzione"
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto dal centrodestra come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri