Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Referendum sul taglio dei parlamentari, Giorgetti: “Voto No, il Sì è un favore a un governo in difficoltà”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Referendum sul taglio dei parlamentari, Giorgetti (Lega): “Voto No, è un favore al governo”

Giancarlo Giorgetti, esponente della Lega e braccio destro del leader Matteo Salvini, ha dichiarato che voterà No al referendum sul taglio dei parlamentari (leggi qui cosa prevede la riforma e come funziona il referendum) perché il Sì sarebbe un “favore al governo”. Giorgetti, che nel primo governo Conte ha ricoperto il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio, lo ha dichiarato nel corso di un comizio al quale ha partecipato nella serata di giovedì 10 settembre a Vittuone, nel milanese. Secondo quanto riferito da Ticino notizie, l’esponente leghista ha affermato: “Il 20 e 21 settembre si voterà per le Regionali in alcune parti d’Italia, per i Comuni e anche per il referendum sul taglio dei parlamentari. Non so cosa voterete voi, ma posso dirvi come voterò io. Voterò No, convintamente”.

“Tagliare del 40% i parlamentari darebbe un potere senza limite alle segreterie di partito – ha aggiunto Giorgetti – limitando di parecchio la volontà popolare. È una deriva da evitare con forza. Anche perché sarebbe un favore ad un governo in difficoltà, incapace di gestire il contraccolpo economico al sistema Italia di questi mesi e in evidente imbarazzo in vista dei prossimi mesi, che saranno durissimi. Il governo Conte è inadeguato. Ed è anche per questo che voterò No”. La Lega, che in Parlamento ha votato a favore della riforma, sia quando era al governo che quando poi è passata all’opposizione, è ufficialmente schierata per il Sì anche se diversi esponenti ancora prima di Giorgetti avevano espresso dei dubbi in merito. Tra questi c’è anche Claudio Borghi che, in un’intervista a TPI, ha spiegato le ragioni che lo porteranno a votare per il No al quesito.

Leggi anche: 1. Il Referendum delle bugie: tutti vorrebbero votare il contrario di quello che dicono / 2. Quando il taglio dei parlamentari piaceva a tutti. Da Bozzi a Renzi: i tentativi falliti di riforma / 3. La politologa Urbinati a TPI: “Taglio dei parlamentari? Così il M5S favorisce la casta” / 4. Referendum: il PD alla ricerca di una difficile sintesi tra sostenitori del Sì e del No

Tutte le notizie sul referendum del 20-21 settembre
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022: oggi la quinta votazione | DIRETTA LIVE
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022: oggi la quinta votazione | DIRETTA LIVE
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Politica / Chi è Nino Di Matteo, il più votato al quarto scrutinio dopo Sergio Mattarella
Politica / Sabino Cassese nega di conoscere Salvini: “Quirinale? Perché escluderlo?”
Politica / Maddalena a TPI: “I voti per me sono un appello alla Costituzione, il neoliberismo è un danno per il Paese”
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera: Mattarella il più votato. Salvini: "Conto di chiudere domani". Torna l'ipotesi Frattini. Tajani incontra Draghi, Renzi: "Non siamo a X Factor"