Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Sigfrido Ranucci a TPI: “Dopo il caso Renzi-007 Nobili tirò fuori un dossier falso per screditare Report”

Immagine di copertina

“Per fortuna a febbraio mi aveva avvisato il vicedirettore di un giornale di destra". Il conduttore di Report ricostruisce il caso del dossier di Italia Viva ("Una patacca") per smontare l'inchiesta del programma tv sull’incontro in autogrill fra Renzi e lo 007 Mancini. L'intervista integrale sul nuovo numero del nostro settimanale (in edicola da venerdì 19 novembre)

Dopo l’inchiesta di Report sull’incontro in autogrill fra Renzi e lo 007 Mancini, nel maggio scorso, il deputato di Italia Viva Luciano Nobili annunciò un’interrogazione contro il programma tv della Rai basandosi però su un dossier contro Report che era totalmente “falso”.

A dirlo è Sigfrido Ranucci, intervistato da Luca Telese sul nuovo numero del nostro settimanale (in edicola da venerdì 19 novembre). La denuncia di Nobili, secondo Ranucci, era “una odiosa patacca”.

“Nel dossier alla base dell’interrogazione – ricostruisce il giornalista – si denunciava il pagamento per 45mila euro attraverso una società lussemburghese di una fonte che ci aveva aiutato a fare un’inchiesta sulla gestione dei dossier Alitalia e Piaggio Aerospace. E si raccontava di mail tra me e Casalino, allora portavoce del premier Conte. Tutto falso”.

“Quello che è inquietante, alla luce di quello che è emerso oggi dalle carte su Open – prosegue Ranucci nell’intervista a TPI – è che l’unica informazione vera del dossier era il nome della nostra fonte”.

“Per fortuna a febbraio mi aveva avvisato il vicedirettore di un giornale di destra: ‘Dentro ci sono delle tue mail con Casalino. I bonifici dei soldi con cui avreste pagato. Ma è una patacca evidente’. Era tutto falso. Ho avuto il tempo di realizzare una controinchiesta e smontare balla su balla”.

Non solo: “Grazie a un tweet – aggiunge Ranucci – scoprii che Italia Viva ne era a conoscenza almeno già dal 28 febbraio. Perché il fuoco congiunto dei renziani, i comunicati di Nobili, la sua interrogazione sul dossier, arrivano solo il giorno in cui mandiamo in onda l’inchiesta sull’incontro tra Mancini e Renzi in autogrill?”. E l’interrogazione? “Non so che fine abbia fatto”.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani