Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Rai, Enrico Letta vuole Tinny Andreatta alla guida di Viale Mazzini. Stop dalla Commissione di Vigilanza

Immagine di copertina

Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, vuole a tutti i costi Tinny Andreatta (figlia del suo “maestro” Beniamino e sorella del grande amico e consigliere Filippo) come Amministratore Delegato della Rai. Ma a quanto si apprende la Commissione di Vigilanza Rai sarebbe pronta ad alzare le barricate se venisse bypassata la clausola da poco approvata proprio da questo organismo che di fatto impedisce il suo ritorno in Rai dopo la parentesi Netflix.

La Commissione parlamentare di Vigilanza, nelle settimane passate, aveva votato all’unanimità a favore del principio della clausola di non concorrenza, che la Rai sarebbe tenuta a rispettare. Sia in uscita che in entrata. Nemmeno Draghi, spiegano fonti vicinissime al dossier, sarebbe disponibile a permettere una forzatura del genere.

Intanto, oltre che sulla figura dell’amministratore delegato e del Presidente sull’asse Palazzo ChigiViale Mazzini si continua a discutere anche del direttore generale, anzi dei direttori generali perché stavolta potrebbero essere due: Roberto Sergio, direttore di Rai Radio, autore di un profondo rinnovamento a via Asiago alla direzione corporate e Marcello Ciannamea alla direzione editoriale.

Inutile dire che potrebbero essere proprio queste le posizioni che farebbero più gola alla politica. Per quanto riguarda il Consiglio d’amministrazione invece, le indiscrezioni parlano di alcune conferme e alcuni nomi nuovi: Rossi per Fratelli d’Italia, Coletti per i 5Stelle, De Biasio per la Lega, Silvia Costa o Flavia Barca per il Pd, Laganà per i dipendenti Rai.

Nel frattempo, secondo quanto riferito a TPI dal Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini, ci sarebbe stata una conversazione telefonica con l’attuale amministratore delegato di Viale Mazzini, Fabrizio Salini, per invitarlo ad astenersi dal decidere eventuali nomine (a meno che non siano urgenti o non più rinviabili) da qui alla fine del mandato.

E, volendo, di nomine da fare (e che fanno gola alla politica) ce ne sarebbero: a cominciare dai direttori delle sedi regionali di Palermo, Firenze, Cosenza, Pescara, Bari, Perugia, Cagliari e Potenza. Ma fino alla scadenza ufficiale del mandato per la Vigilanza sarebbe meglio limitarsi all’ordinaria amministrazione.

Intanto, la Lega in Rai continua a fare “blocco” e si mobilita anche in vista delle prossime elezioni amministrative. Secondo i soliti ben informati le sedi regionali sarebbero pronte a seguire con particolare attenzione il neo ministro del Turismo Massimo Garavaglia e il neo Presidente della Conferenza Stato Regioni Massimiliano Fedriga.

Leggi anche: Rai, bilancio approvato in pareggio. Ora si lavora al Cda: ecco i nomi in lizza

Ti potrebbe interessare
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Ti potrebbe interessare
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto
Politica / Pd, Elly Schlein verso la candidatura alla segreteria: “Costruiamo una nuova strada”
Politica / Cartabianca, lite tra Orsini e Lupi in diretta tv: “Lei deve portare rispetto”