Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Rai e Radio Radicale, la maggioranza si spacca in Parlamento

Immagine di copertina

Radio Radicale Lega vota col Pd | Emendamento Pd | Radio Radicale | Roberto Giachetti | Il duro commento di Di Maio

Radio Radicale Lega vota col Pd | La Lega e il M5s hanno votato in maniera diversa su due temi in discussione oggi in Commissione Vigilanza e in Commissione Bilancio della Camera.

Sul primo voto, quello sul doppio incarico a Marcello Foa come presidente di Rai e Rai Com, i due alleati di governo si sono spaccati. Fino a poche ore fa l’accordo sembrava fatto, ma questa mattina la seduta della Commissione Vigilanza è stata rimandata alla prossima settimana. Il gruppo del M5s ha litigato, e ha deciso di non votare a favore dell’emendamento della Lega, ed è uscito dall’aula. La seduta è stata sospesa per mancanza del numero legale.

Michele Anzaldi, componente del Pd della Commissione di Vigilanza ha commentato così: “Vigilanza Rai: M5s-Lega divisi su Foa fanno saltare ancora seduta. Parlamento bloccato e umiliato, maggioranza per lavorare non c’è più: uniti solo da arroganza contro istituzioni colleghi e funzionari. Stupefacente che colleghi come Di Nicola e Paragone si accodino a tale vergogna”.

Radio Radicale Lega vota col Pd | La maggioranza di governo si divide anche sulla questione Radio Radicale.

La Commissione Bilancio e Finanze della Camera ha dato l’ok a 3 milioni per salvare Radio Radicale, come previsto dall’emendamento del Pd. A votare a favore, oltre al Partito democratico, anche tutti gli altri partiti, compresa la Lega. Tranne il M5s.

Approvato emendamento Salva-Radio Radicale: a che punto è la battaglia della storica emittente?

L’emendamento è stato presentato per la conversione in digitale degli archivi della storica radio.

A commentare il voto della Lega è Claudio Borghi, che specifica che la Lega ha votato a favore “esclusivamente per la digitalizzazione e il salvataggio dell’archivio”, che rappresentano 40 anni di storia italiana.

Radio Radicale Lega vota col Pd | Il duro commento di Di Maio

Su Radio Radicale “una pioggia di soldi pubblici ingiustificata”, commentano i deputati M5S delle commissioni Bilancio e Finanze.

Durissimo il commento di Di Maio: “Secondo noi è una cosa gravissima, di cui anche la Lega dovrà rispondere davanti ai cittadini. Sono franco: dovrà spiegare perché ha appoggiato questa indecente proposta del Pd! Dopo di che si va avanti, perché siamo persone serie”, ha detto Luigi Di Maio.

“Una radio privata che ospita giornalisti con stipendi da capogiro di anche 100mila euro l’anno. Tutti pagati con i vostri e i nostri soldi, da sempre”, ha proseguito il ministro.

Radio Radicale | Il commento dell’emittente

“L’approvazione dell’emendamento che concede a Radio Radicale un contributo straordinario di 3 milioni di euro è un importante primo passo in attesa dell’approvazione nell’Aula della Camera e poi nelle commissioni e nell’Aula Senato. Si tratta di un primo risultato ottenuto grazie a tutti coloro che hanno partecipato alla lotta di questi mesi per la vita del servizio pubblico che la nostra emittente ha svolto negli ultimi 42 anni, servizio che l’Autorità per le Comunicazioni ha chiesto con segnalazione urgente al governo di non far interrompere, essendo scaduta la convenzione lo scorso 20 maggio, in attesa che venga messo a gara per i prossimi anni”. È quanto si legge in una nota di Radio Radicale.

“Ringraziamo tutti i gruppi dell’opposizione, Pd, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Leu, +Europa, il Psi e le componenti del Gruppo Misto che si sono impegnati con convinzione al nostro fianco, ringraziamo la Lega Salvini Premier senza la quale questo esito sarebbe stato impossibile e ringraziamo quei parlamentari del M5S che, in dissenso dalla posizione prevalente del movimento, hanno voluto riconoscere il servizio pubblico svolto da Radio Radicale e la necessità di ripristinare le risorse necessarie al suo proseguimento”, prosegue Radio Radicale.

Ti potrebbe interessare
Politica / Caso Morisi, Salvini: “Ha sbagliato, ma su di me può contare”
Politica / Chi è Carlo Calenda, candidato alle elezioni amministrative Roma 2021
Politica / Chi è Amalia Bruni, candidata Pd-M5S alle elezioni regionali Calabria 2021
Ti potrebbe interessare
Politica / Caso Morisi, Salvini: “Ha sbagliato, ma su di me può contare”
Politica / Chi è Carlo Calenda, candidato alle elezioni amministrative Roma 2021
Politica / Chi è Amalia Bruni, candidata Pd-M5S alle elezioni regionali Calabria 2021
Politica / Chi è Enrico Michetti, candidato del centrodestra alle elezioni amministrative Roma 2021
Opinioni / Con le Agorà vogliamo costruire un nuovo centrosinistra popolare (di Nicola Oddati)
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, candidato del Pd alle elezioni amministrative Roma 2021
Politica / Chi è Virginia Raggi, candidata M5S alle elezioni amministrative Roma 2021
Politica / Elezioni amministrative Roma 2021: i programmi dei candidati sindaco
Politica / Elezioni amministrative Roma 2021, i candidati: da Raggi a Calenda, tutti i nomi in lizza per il ruolo di sindaco
Politica / Elezioni amministrative Roma 2021, i candidati presidenti dei municipi