Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Le trattative per il Quirinale sono ferme: Enrico Letta, sostengono le voci a lui più vicine riportate da Repubblica, è molto preoccupato. Lo è soprattutto riguardo alla posizione di Mario Draghi, dato che il centrodestra si sta muovendo per evitare che venga eletto. Per Letta: “A questo punto rischiamo di perderlo sia a Chigi sia al Quirinale”.

Ieri il segretario del Partito democratico ha incontrato Matteo Salvini e ha sentito il premier al telefono. I colloqui devono essere andati male perché tra i vertici del Pd serpeggia molto scetticismo. Si teme che Draghi possa non restare alla guida del governo se venisse eletto un capo dello Stato con una maggioranza meno larga dell’attuale o un profilo istituzionale non all’altezza del ruolo.

Una mossa sbagliata delle forze politiche in capo provocherebbe, sostiene Letta, un danno d’immagine grave per l’Italia. Un danno per i mercati e per il giudizio internazionale sul nostro Paese. L’idea è quindi di insistere sul percorso che “preservi Draghi e al tempo stesso la legislatura”.

Se ciò non riuscisse si apre la possibilità di andare presto a elezioni, con il Pnrr da attuare e la pandemia che non è sconfitta: “Sarebbe un vero disastro”, dice Letta. Il pericolo va scongiurato. Il segretario Pd e il leader del Carroccio si incontreranno ancora oggi, il confronto andrà avanti fino a quando sarà trovata una soluzione condivisa.

Salvini

Durante l’incontro di ieri con Salvini non sono stati fatti nomi, ma il centrodestra ha insistito con la propria rosa di nomi. Nomi che per Letta sono solo una provocazione: “La strada è e rimane quella di un accordo su una figura di garanzia per tutti. Ostinarsi su nomi di parte è esattamente ciò che mette a rischio la legislatura”.

Casini

Così some mette a rischio la tenuta stessa del partito di Letta la candidatura di Pierferdinando Casini. Alcuni esponenti del Pd, su pressing di Matteo Renzi, sarebbero pronti ad accoglierla. Altri no. “Si tratta di un’operazione neocentrista – spiega un membro della segreteria – che mira ad aggregare quel che resta di Forza Italia, a spaccare il Pd e a diventare l’ago della bilancia di qualsiasi futuro governo, in vista del cambio della legge elettorale”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes