Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Quando Renzi nel 2012 dal palco della Leopolda criticava il potere di veto dei piccoli partiti: “Se vinciamo noi, non c’è più spazio per voi” | VIDEO

"Non c'è più spazio per voi cari partitini dei veti" affermava l'ex presidente del Consiglio nel 2012

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 14 Feb. 2020 alle 16:48
5.6k

Quando Renzi nel 2012 criticava il potere di veto dei piccoli partiti | VIDEO

Correva l’anno 2012 quando Matteo Renzi, sul palco della Leopolda, criticava il potere di veto dei piccoli partiti come dimostra il video sopra pubblicato.

Le affermazioni, raccolte anche in un tweet divenuto virale in queste ore, risalgono al 2012 quando Matteo Renzi era impegnato nella campagna elettorale per le primarie del Partito Democratico, poi vinte da Pier Luigi Bersani.

renzi veto piccoli partiti

“Chi vince le primarie – affermava l’ex segretario del Pd – ha il dovere di governare facendo le cose che ha promesso agli italiani”.

“E non ci sarà nessun partitino, si chiami Mastella o Diliberto, che provi a intralciare il patto che noi vogliamo fare con i cittadini”.

“Non c’è più spazio per voi cari partitini dei veti, care persone che vogliono mettere le zeppe” dichiarava ancora l’ex presidente del Consiglio.

Un concetto ribadito qualche minuto più tardi, sempre dal palco della Leopolda: “C’è un punto centrale, se vinciamo noi, non ci sarà più spazio per il potere di veto di chi, come ha fatto Di Pietro nel 2008, racconta agli italiani che se vince sta con Veltroni nel gruppo unico e dopo 12 ore che è alla Camera fa il gruppo da solo per avere come tutti i privilegi del gruppo da solo”.

Le frasi pronunciate da Matteo Renzi nel 2012 sono ovviamente tornate alla ribalta della cronaca in queste ore in cui Renzi e la sua Italia Viva hanno instaurato un braccio di ferro con il premier Conte e gli altri partiti di maggioranza sul tema della prescrizione.

Leggi anche:

Italia Viva Morta: oggi Renzi è l’ombra di se stesso e le sta sbagliando tutte (di Giulio Gambino)

Conte sfida Renzi: il piano del premier per evitare la caduta del governo

Renzi vuole sfiduciare Giuseppe Conte e proporre Gualtieri o Draghi come premier: il retroscena

5.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.