Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quando Renzi nel 2012 dal palco della Leopolda criticava il potere di veto dei piccoli partiti: “Se vinciamo noi, non c’è più spazio per voi” | VIDEO

"Non c'è più spazio per voi cari partitini dei veti" affermava l'ex presidente del Consiglio nel 2012

Quando Renzi nel 2012 criticava il potere di veto dei piccoli partiti | VIDEO

Correva l’anno 2012 quando Matteo Renzi, sul palco della Leopolda, criticava il potere di veto dei piccoli partiti come dimostra il video sopra pubblicato.

Le affermazioni, raccolte anche in un tweet divenuto virale in queste ore, risalgono al 2012 quando Matteo Renzi era impegnato nella campagna elettorale per le primarie del Partito Democratico, poi vinte da Pier Luigi Bersani.

renzi veto piccoli partiti

“Chi vince le primarie – affermava l’ex segretario del Pd – ha il dovere di governare facendo le cose che ha promesso agli italiani”.

“E non ci sarà nessun partitino, si chiami Mastella o Diliberto, che provi a intralciare il patto che noi vogliamo fare con i cittadini”.

“Non c’è più spazio per voi cari partitini dei veti, care persone che vogliono mettere le zeppe” dichiarava ancora l’ex presidente del Consiglio.

Un concetto ribadito qualche minuto più tardi, sempre dal palco della Leopolda: “C’è un punto centrale, se vinciamo noi, non ci sarà più spazio per il potere di veto di chi, come ha fatto Di Pietro nel 2008, racconta agli italiani che se vince sta con Veltroni nel gruppo unico e dopo 12 ore che è alla Camera fa il gruppo da solo per avere come tutti i privilegi del gruppo da solo”.

Leggi anche:

Italia Viva Morta: oggi Renzi è l’ombra di se stesso e le sta sbagliando tutte (di Giulio Gambino)

Conte sfida Renzi: il piano del premier per evitare la caduta del governo

Renzi vuole sfiduciare Giuseppe Conte e proporre Gualtieri o Draghi come premier: il retroscena

Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra