Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/ ANGELO EMMA

"Se c'è una proposta forte verso il popolo, gli elettori, poi le correnti si adattano". Il padre dell'Ulivo manda questo messaggio al segretario dem perché riesca a giocare da "federatore" della sinistra. Letta replica: "Quando parla Prodi va sempre ascoltato"

Il programma attuale del Pd è un po’ troppo ristretto“. Lo ha detto Romano Prodi ospite a Mezz’ora in Più da Lucia Annunziata. Per l’ex premier servirebbe al Pd “una proposta forte sul lavoro per costruire un’alleanza più larga. Ci vuole un qualcosa che sul lavoro, sul tipo di crescita, sul post pandemia, acquisti più fascino anche fuori“. Il padre dell’Ulivo si rivolge al segretario del Pd Enrico Letta indicando una direzione di marcia per il partito. “Giustamente, (Letta, ndr) ritiene così importanti i diritti individuali ma – dice ancora il Professore – non bastano. Adesso bisogna coinvolgere la gente“.

A Letta “glielo ho detto”, ha aggiunto Prodi sottolineando che “questo governo ha creato ottimismo, ora si può diffondere il messaggio che ce la faremo. In questo momento un partito politico che esce con una proposta, che dice di rendere la speranza della gente un’ascesa duratura, è importantissimo”.

Prodi dice che il segretario dem ha bisogno di avere un messaggio che faccia convergere le diverse anime del partito. “Letta è il più adatto ad essere un federatore. Se c’è una proposta forte nei confronti degli elettori, le correnti si adattano“, spiega l’ex premier.

La risposta di Enrico Letta

“Io sono sempre molto attento a quello che dice Romano Prodi e mi sento in linea con molte scelte da lui fatte in passato. Oggi ha detto cose importanti, su questo lavoro di federare la coalizione e alle amministrative c’è un primo passo. Io ascolto quello che dice Prodi ma non chieda di ascoltare Salvini”: così il segretario del Pd a Skytg24. “Io penso che non esistano due campi diversi, quello dei diritti e quello del sociale. Io penso che esista il tema di rendere la persona protagonista“.

Ti potrebbe interessare
Politica / Ischia, polemiche sul decreto del 2018. Conte: “Sbloccammo una situazione ingestibile“. Renzi: “Fu un condono”
Politica / De Petris a TPI: “Il Pd non può più essere il primo partito del centrosinistra”
Cronaca / Il Black Friday di Giorgia: la premier fa shopping in una boutique del centro e si ferma a fare i selfie
Ti potrebbe interessare
Politica / Ischia, polemiche sul decreto del 2018. Conte: “Sbloccammo una situazione ingestibile“. Renzi: “Fu un condono”
Politica / De Petris a TPI: “Il Pd non può più essere il primo partito del centrosinistra”
Cronaca / Il Black Friday di Giorgia: la premier fa shopping in una boutique del centro e si ferma a fare i selfie
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Politica / Piccolotti a TPI: “Se il Pd rompe ancora, gli elettori lo puniranno di nuovo”
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Politica / Soumahoro, Fratoianni: “Ombre su Aboubakar da chiarire, ma non mi pento”
Politica / Renzi: “Noi con la maggioranza? Io come Jep Gambardella sono quello che i governi li fa fallire”
Cronaca / Caso Soumahoro, l’operatrice della coop dei familiari: “Senza stipendio da quasi due anni, aspetto 20 mila euro”
Politica / Calenda: “Meloni ci ascolta perché è matura, il Pd no. Siamo noi il centro riformista”