Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il commento virale della nuova ministra della Famiglia sul decreto Pillon: “Resterà nel cassetto”

Immagine di copertina

Il commento virale della nuova ministra della Famiglia sul decreto Pillon

La neo ministra della Famiglia, Elena Bonetti, ha commentato il decreto Pillon, e il suo post è diventato virale. “Se mi hanno lasciato nel cassetto una copia del ddl Pillon? Non mi sono informata ma per quanto mi riguarda resterà nel cassetto”.

La frase di Bonetti sul ddl Pillon era stata pronunciata anche nella trasmissione di Radio24, I Padrieterni, andata in onda domenica 15 settembre 2019.

La ministra prende dunque le distanze dal ddl Pillon. In questo articolo avevamo spiegato in cosa consiste il decreto Pillon sull’affido condiviso, che nei mesi scorsi aveva creato non poche polemiche e proteste. Il ddl introduce la “bigenitorialità perfetta”: in caso di separazione di una coppia, il mantenimento dei figli, il loro affido, e di conseguenza i costi e il tempo passato con loro, devono essere equamente divisi tra padre e madre.

La distanza tra Bonetti e Simone Pillon, il senatore firmatario del tanto criticato ddl sull’affido condiviso, era evidente dai primi giorni di governo Pd-M5s. Nel commentare la nomina di Elena Bonetti, Pillon scriveva: “La lobby LGBT festeggia la nomina di Elena Bonetti al ministero della famiglia, rievocandola tra gli autori della “carta del coraggio” che nel 2014 consegnò una parte significativa dello scoutismo cattolico italiano alle posizioni LGBT friendly di Renzi e delle sue unioni civili. Gli attivisti già chiedono la legge sull’omofobia per chiudere definitivamente la bocca a chi vorrebbe fermare la dittatura gender. E questo, onestamente, mi pare un pessimo inizio”.

Qui il post:

Elena Bonetti, esponente del Pd vicina a Matteo Renzi, Bonetti ha preso il posto del leghista Lorenzo Fontana.

Elena Bonetti, 45 anni, mantovana, è una professoressa di Analisi matematica e capo dell’Agesci, associazione degli scout cattolici (qui il suo profilo completo).

Nel 2014, quando era dirigente dell’Agesci e le unioni civili non erano ancora regolamentate, Bonetti fu tra i firmatari di un appello rivolto allo Stato e alla Chiesa in cui si chiedeva proprio di riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso. “Tutti abbiamo il diritto di amare e di essere amati”, si leggeva nell’appello, la cosiddetta “Carta del Coraggio”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Salvini: “Casellati non ha bisogno di essere candidata”
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022, oggi in programma la terza votazione
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Salvini: “Casellati non ha bisogno di essere candidata”
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022, oggi in programma la terza votazione
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera con 527 schede bianche, 39 voti a Maddalena e Mattarella. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio, no del centrosinistra. Letta: "Chiudiamoci in una stanza e troviamo una soluzione"