Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”

Immagine di copertina

Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito

“È inaccettabile che il ministro Cingolani perpetui la scelta di oscurare la sua agenda pubblica d’incontri con i lobbisti”: lo denuncia l’associazione The Good Lobby, che torna a chiedere una legge sul lobbying, ancora più necessaria ora che dovranno essere investiti i fondi del Pnrr.

Come sottolinea l’associazione, infatti, il ministro della Transizione Ecologica si trova a gestire la quota più consistente delle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale Ripresa e Resilienza.

Di recente, nel corso del programma Report, il ministro ha dichiarato di avere “un’agenda trasparente”, ma, secondo quanto denuncia The Good Lobby le cose non stanno esattamente così.

“Dal sito web del ministero la sua agenda è scomparsa da maggio 2021 per supposti problemi di ‘privacy’ che in oltre un anno non si è stati in grado di risolvere” si legge in un comunicato diffuso dall’associazione.

“Grazie alla trasmissione Report e alle indagini di ReCommon – si legge ancora – abbiamo saputo dei suoi 100 e più incontri precedenti all’invio del Recovery Plan (aprile 2021) con Eni e SNAM, che hanno spinto per orientare la richiesta dei finanziamenti europei verso il gas fossile e l’idrogeno blu”. Proposta, successivamente, bocciata dalla Commissione.

Ecco perché The Good Lobby, tramite una petizione online, non solo chiede che il ministro della Transizione Ecologica torni a pubblicare la sua agenda di incontri sul web, ma anche e soprattutto l’introduzione di una legge sul lobbying che preveda, tra le altre cose, un registro pubblico obbligatorio per i lobbisti e un’agenda pubblica degli incontri tra politici, funzionari pubblici e lobbisti.

Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”
Politica / Tensioni nel governo, Draghi vede Mattarella
Politica / Ius Scholae e cannabis, la Camera approva il rinvio alla prossima settimana
Politica / La telefonata, il no di Conte, il rientro anticipato in Italia: la giornata nera di Draghi al vertice Nato
Politica / Tensione Draghi-Conte, il premier: “Ho parlato con il leader M5s, il governo non rischia”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione