Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Pnrr, i cantieri del ministro Giovannini sono in ritardo: delle 102 opere commissariate solo 22 sono partite

Immagine di copertina

Dal potenziamento della linea ferroviaria Codogno-Mantova all’elettrificazione della Empoli-Siena. Dalla tangenziale di Lucca alla variante di Imperia. Sono oltre cento i cantieri, piccoli e grandi, su cui il Governo Draghi ha dichiarato di voler accelerare. Ma non è bastata la pioggia di nomine di commissari per compiere il miracolo sull’avvio di tutte le infrastrutture annunciate. Si parla di strade, ferrovie, porti e presidi di pubblica sicurezza: una serie di opere che, da Nord a Sud, sono attese per modernizzare il Paese e dare una scossa all’economia.

Le buone intenzioni ci sono tutte, così come esiste la mappatura degli interventi. Ma i dati ufficiali, riferiti dal ministero delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili (Mims), raccontano che, su 102 cantieri commissariati, solo 22 sono stati avviati e altri 2 partiranno a inizio 2022. A conti fatti è un quinto del totale, tenendo in considerazione anche che alcuni sono solo in fase di programmazione. Mentre per alcune opere non è ancora consultabile il cronoprogramma sul sito del Mims. Certo, non tutti i lavori potevano essere avviati all’istante e completati in un battibaleno, vista l’imponenza di alcuni di questi interventi, attesi da decenni. Tra questi, uno dei più imponenti è la linea dell’alta velocità Brescia-Verona-Padova, già in parte finanziata con il contratto di programma 2018-2019 del ministero con Rete Ferroviaria Italiana (Rfi).

Ci sono sul tavolo già 5 miliardi e 439 milioni di euro, a fronte di una necessità che supera gli 8 miliardi. Di grande rilievo è anche il potenziamento della linea Venezia-Trieste, con un costo stimato di un miliardo e 800 milioni, che attualmente può contare su stanziamenti pari 232 milioni di euro. Il completamento dei lavori è inevitabilmente connesso alla disponibilità delle risorse. In altri casi, come per il completamento del raddoppio della linea Pescara-Bari, i soldi sono già interamente a disposizione…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini spinge la candidatura di Casellati: “Se uno la chiama penso sia a disposizione”
Politica / Quirinale, Salvini: “Casellati non ha bisogno di essere candidata”
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini spinge la candidatura di Casellati: “Se uno la chiama penso sia a disposizione”
Politica / Quirinale, Salvini: “Casellati non ha bisogno di essere candidata”
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022. Al via la terza votazione, centrosinistra e centrodestra voteranno scheda bianca. Fratelli d’Italia voterò Crosetto | DIRETTA LIVE
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale