Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Pd-M5s, tensioni nei dem sui punti della trattativa: renziani contro Zingaretti

Immagine di copertina

Ascani: "Qualcuno vuole far saltare l'accordo di governo"

Pd-M5s, tensioni nei dem sui punti della trattativa

L’ipotesi di un governo Pd-M5s sta rendendo ancora più instabile il già precario equilibrio che tiene insieme le diverse anime del Partito democratico. Le immagini del segretario Nicola Zingaretti esultante per aver ricevuto “per acclamazione e all’unanimità” il mandato della Direzione per trattare col partito di Luigi Di Maio sono sono soltanto di ieri e già oggi è tempo di veleni e sospetti (qui le ultime news sulla crisi di governo).

L’accusa a Zingaretti da parte dei renziani è molto precisa: starebbe trattando coi 5 Stelle sulla base di tre punti, e non sui cinque approvati ieri in Direzione e mai discussi con l’ala del partito che fa capo all’ex segretario Matteo Renzi.

I tre punti li ha svelati Repubblica: abolizione totale dei due decreti sicurezza; accordo di massima, prima della formazione del governo, sulle misure della manovra economica; no alla legge della riforma sul taglio dei parlamentari, così come è stata scritta e votata fino ad oggi. Punti che, sostengono i renziani, alzano l’asticella della trattativa, sono più difficili da far digerire ai pentastellati e punterebbero sostanzialmente a far saltare la possibilità di un accordo.

“Se di fronte al rischio della destra così come ancora si presenta, con Salvini e Meloni in primissima linea, qualcuno nel Pd pensa di far saltare il banco di un possibile governo, istituzionale o di legislatura, sul taglio dei parlamentari, se ne assumerà la responsabilità di fronte al Paese e all’Europa. Le condizioni sono quelle poste in direzione, altre condizioni rischiano di essere fuori luogo in questo momento”, dice all’Ansa Anna Ascani, vice presidente Pd, dopo un colloquio con Matteo Renzi.

Zingaretti però rispedisce le accuse al mittente: “I punti alla base della possibile trattativa per un nuovo governo sono quelli decisi all’unanimità dalla Direzione di ieri e che abbiamo presentato oggi al Presidente della Repubblica”. “Qualora ce ne fossero le condizioni e la disponibilità, è giunto il tempo di aprire una fase di confronto e approfondimento” , ha scritto in una nota il segretario del Pd.

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Politica / Lettera aperta a Beppe Grillo da un’elettrice delusa: “L’ennesimo partito imborghesito non ci interessa”
Politica / Una poltrona per due: la strana coppia del Tesoro
Politica / “La riforma Cartabia non ha migliorato la Giustizia”
Politica / Cuperlo a TPI: “Caro Pd, non nascondiamo la polvere sotto al tappeto”
Politica / Elly Schlein a TPI: “Vinco io il Congresso del Pd, lo dicono i numeri”
Politica / Elly Schlein a TPI: “Dopo la politica mi darò al cinema, sogno di fare la regista”
Politica / Modello Bonaccini: ritratto di un uomo-immagine (di L. Telese)