Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

C’era una volta Franceschini, l’ex uomo forte del Pd ora ridimensionato dall’arrivo di Letta e Draghi

Immagine di copertina
Il ministro della Cultura Dario Franceschini. Credit: Ansa

Fra governo Draghi e la segreteria di Enrico Letta, chi sembra accusare qualche problema è Dario Franceschini. Ai tempi di Conte e Zingaretti la faceva da padrone sia al governo (era capodelegazione del Pd) che al Pd. Poi è arrivato Draghi: abolita la figura di capodelegazione (anzi, l’uomo forte del partito nell’esecutivo ora è Orlando).

Inoltre a Franceschini è stata tolta anche l’importante delega del Turismo. Due botte in un colpo solo. Poi è arrivato Letta neosegretario. Al Nazareno si ricorda che, oltre a Renzi, fu proprio Franceschini a votare contro Enrico nel 2014. E forse allora non è un caso che i due vicesegretari scelti da Letta siano uno orlandiano (Provenzano) e l’altra, Irene Tinagli, vicina a Calenda e Base Riformista. Di Franceschini si sono perse le tracce. Anche nella nuova segreteria, su 18 nominati, solo 2 sono vicini al Ministro della Cultura (Chiara Braga e Manuela Ghizzoni).

Ecco perché si dice che Franceschini stia tanto insistendo con il “suo” Sassoli per fargli accettare la candidatura a sindaco di Roma: potrebbe riottenere localmente il potere che ha perso nazionalmente. Ma da cosa dipende questa perdita di peso politico per un uomo da sempre abituato a galleggiare nei meandri del potere? “Letta non vuole delegare ai capicorrente, preferisce fare da solo. Sa benissimo che se gli dai un dito si prendono tutto il braccio” spiega chi conosce bene il pisano. E poi, soprattutto, c’è la partita delle partite, quella con vista Quirinale. I due, Letta e Franceschini, potrebbero addirittura ritrovarsi in competizione (il Colle è il sogno segreto di entrambi). Quindi meglio far capire subito chi comanda.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Opinioni / Elezioni a Roma, un disastro comunicativo tra like e scivoloni (di M. Romano)
Opinioni / Mario pieni poteri (di Giulio Gambino)
Ti potrebbe interessare
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Opinioni / Elezioni a Roma, un disastro comunicativo tra like e scivoloni (di M. Romano)
Opinioni / Mario pieni poteri (di Giulio Gambino)
Opinioni / Confindustria vuole Draghi anche dopo il 2023, ma la Costituzione non è un prodotto commerciale
Opinioni / Jo Squillo col niqab al Gf Vip: così la tv spazzatura banalizza la tragedia delle donne afghane
Opinioni / Un patto con voi lettori (di Giulio Gambino)
Opinioni / Salvini ha spaccato la Lega cercando di rincorrere FdI senza capire che la Meloni ha già preso il suo posto
Opinioni / Trent’anni fa un’inchiesta sull’Eni distrusse i partiti, oggi colpisce la procura più importante d’Italia
Opinioni / La vittoria di Hassan: prima sconfigge sul ring il pugile coi tatuaggi nazisti, poi lo manda ko con le sue parole
Opinioni / Il Green Pass non è un dogma: ecco perché se ne può discutere senza essere no vax