Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

I giovani di InOltre lanciano una campagna social a favore della tassa di successione di Letta

Immagine di copertina

I giovani dem dell’associazione InOltre-Alternativa Progressista si schierano compatti a sostegno della “dote dai 18enni” proposta dal segretario del Pd, Enrico Letta, da finanziare con un aumento della tassa di successione sui patrimoni ultramilionari. I militanti in queste ore hanno anche lanciato una campagna social per appoggiare la proposta, postando – sul modello di quella in favore del Ddl Zan – foto che li ritraggono con “dote” scritto a pennarello sulla mano.

La proposta di Letta, ricorda l’associazione giovanile interna al Partito democratico, “fa parte del nostro programma economico dal 2018”. “Nonostante riteniamo sarebbe più utile investire sul potenziamento del sistema del diritto allo studio e sugli sgravi fiscali per le nuove assunzioni, per le nuove partite iva e per le start up, la proposta della dote ai 18enni va comunque nella direzione da noi indicata”.

I militanti dem sottolineano “che l’Italia ha una un’imposizione sulle successioni e donazioni tra le più basse d’Europa, con un gettito che, nel 2018, si è attestato sugli 820 milioni di euro, ben lontano da quello ottenuto, con lo stesso strumento fiscale, da Germania, Francia e Regno Unito: rispettivamente, 14,3 miliardi, 6,8 miliardi e 5,9 miliardi”.

“Potenziare l’imposta sulle successioni e donazioni – osservano – non sarebbe solo un modo per arginare le diseguaglianze economiche (peraltro, in continuo aumento in Italia), ma anche per livellare i punti di partenza e favorire, pertanto, il merito individuale. Investire gli introiti della misura sui giovani rafforzerebbe ancor di più il principio alla base dell’intervento, quello che, secondo noi, ne motiva davvero l’implementazione: meno rendite di posizione, più meritocrazia; meno capitali cristallizzati, più opportunità per chi ha talento”.

Dall’associazione rispondono così a chi critica la proposta. “Per chi pensa che la misura sarebbe economicamente dannosa, ricordiamo che: non si tratterebbe di un prelievo fiscale fine a se stesso ma di una politica di redistribuzione nei confronti di soggetti con reddito medio-basso e, pertanto, con una propensione al consumo maggiore; nella base imponibile dell’imposta sulle successioni e donazioni non rientrano le attività produttive. Il potenziamento di tale strumento fiscale, dunque, rappresenterebbe un incentivo ad investire i grandi patrimoni personali improduttivi nell’economia reale”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, oggi la quarta votazione. Salvini: "Altre 24 ore per allargare campo centrodestra su nome alto profilo"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, oggi la quarta votazione. Salvini: "Altre 24 ore per allargare campo centrodestra su nome alto profilo"
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina
Politica / La telefonata tra Berlusconi e Boschi: “Vorrei essere più giovane per poterla corteggiare”
Politica / Quirinale, Letta avvisa: “Candidare la Casellati è il modo più diretto per far saltare tutto”
Politica / Di Maio: “Se il centrodestra propone un nome divisivo si spacca la maggioranza”
Politica / Chi è Guido Crosetto, il candidato votato da Fratelli d’Italia per il Quirinale
Politica / Renzi: “Il Senato in cambio dei voti alla Casellati? Non faccio scambi. Casini e Draghi restano le scelte migliori”
Politica / La deputata no vax Sara Cunial denuncia Roberto Fico: “Mi impediscono di votare per il Capo dello Stato”