Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo regolamento per il programma Europa Creativa ’21-’27

Durante l’ultima sessione plenaria, dopo quasi due anni di negoziato, il Parlamento europeo ha approvato il nuovo regolamento per il programma Europa Creativa ’21-’27. Un momento atteso da tempo, soprattutto dopo l’ultimo anno di pandemia, che ha colpito i settori in maniera inaspettata.

Sono molte le novità che caratterizzeranno la nuova programmazione per i prossimi 7 anni. Innanzitutto un budget rafforzato, circa 1 miliardo e centomila euro in più, che consentirà di aumentare i beneficiari di un programma notoriamente sotto finanziato. Fino ad oggi, l’Ue non aveva mai speso così tanto per la cultura e siamo orgogliosi di aver raggiunto questo traguardo.

Il programma continuerà ad aiutare l’ecosistema culturale a riprendersi e a diventare più resiliente e competitivo. Grazie al lavoro del Parlamento abbiamo potuto arricchire indistintamente le tre sezioni del programma – cultura, media e cross-settoriale – di importanti novità, a partire dal fatto che le azioni che verranno sostenute dovranno essere ancorate a 3 priorità trasversali: inclusione sociale, riduzione dell’impatto ambientale e uguaglianza di genere.

Abbiamo lavorato anche per avere una maggiore semplificazione del programma, a partire da tassi di co-finanziamento più elevati per i progetti di piccola e media scala. Ci aspettiamo ora che la Commissione, di concerto con l’agenzia, lavori per rendere queste novità la norma della nuova programmazione per facilitare il più possibile la partecipazione dei beneficiari al programma.

L’approvazione del regolamento e l’entrata in vigore sono passi necessari affinché la nuova programmazione possa partire. È stato un anno particolare, ma il Parlamento ha fatto il possibile per l’approvazione in tempi brevi, così come la Commissione sta procedendo con celerità per l’approvazione del programma di lavoro e il lancio dei primi bandi per il 2021.

Ti potrebbe interessare
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Ti potrebbe interessare
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Politica / Calabria: Pd, M5S e Leu candidano Maria Ventura, l’imprenditrice attivista Unicef
Politica / Amici, parenti e sconfitti delle regionali: così in Calabria si spartiscono le poltrone per gli enti pubblici
Politica / Eurodeputata Pd minacciata dagli antiabortisti con un feto di plastica: “Schiaffo a tutte le donne “
Politica / Sindacalista morto, Draghi: "Addolorato, si faccia luce"
Politica / Marino a TPI: “Il Pd ha offeso Roma mandandomi via. Anche Gualtieri doveva chiedere scusa”
Politica / Lettera a TPI: “Conte non rispecchia la base del M5S”